in

Lo skate e gli uomini che vollero farsi re | Ma cosa resta di Lords of Dogtown?

La California, l’asfalto, gli anni Settanta e Heath Ledger: il ritratto di una generazione in un cult

C’erano una volta gli anni Settanta, i capelli lunghi, le Vans sdrucite e le giornate tutte uguali, tra fischi alle ragazze di Venice Beach e tavole da surf sotto braccio, in attesa di un’onda che profuma di libertà. Ma, sì sa, per chi è abituato a vivere borderline, a petto nudo, con il sole o con la luna, le regole sono (soprattutto) qualcosa da superare. Così, tre ragazzotti di Dogtown, West Los Angeles – quasi cinquant’anni fa, riscrissero le leggi dello skate, alterandole con quelle del surf. Non più acqua ma asfalto, non più onde ma ginocchia sbucciate e amicizie distrutte. Anche perché ogni rivoluzione porta cicatrici. Quella crew di surfisti, i leggendari Z-Boys, coniarono i fondamentali di un nuovo modo di concepire lo skate, aggressivo e sfrontato, piroette impossibili e trick. I maestri? Tre ragazzi: Stacy Peralta, Jay Adams e Tony Alva.

Biondi e sporchi: Emile Hirsch, John Robinson e Victor Rasuk in Lords of Dogtown

La loro storia nel 2001 è diventata prima un documentario, Dogtown and Z-Boys, diretto da Peralta, poi nel 2005 un film, Lords of Dogtown, diretto da Catherine Hardwicke, poi migrata verso Twilight. La pellicola traccia il percorso della rivoluzione, dall’idea agli esperimenti, fino alle gare, al trionfo, alle rotture. C’è la brutale e libera California anni Settanta, c’è la controcultura di un popolo che non si arrende, ci sono le piroette illegali nelle piscine dei ricchi di Beverly Hills – svuotate dalla siccità del ’75 – e c’è il mitico Jeff Ho & Zephyr Shop di Skip Engblom (nel film con il volto del mai troppo pianto Heath Ledger) reso il quartier generale di Peralta, Adams e Alva, rispettivamente interpretati da John Robinson, Emile Hirsch e Victor Rasuk.

Il Jeff Ho & Zephyr Shop di Santa Monica, oggi divenuto uno dei City Landmark Designation di L.A.

Con un filtro fotografico dai colori caldi (opera di Elliot Davis) che richiamano i tramonti di Santa Monica, Lords of Dogtown è un film pervaso da un’atmosfera di esuberanza e malinconia, un racconto adiacente ai fatti – molti dei reali Z-Boys, oltre Peralta, hanno collaborato con la produzione, partecipando dietro le quinte o in curiosi camei – che esalta le necessità, divenute virtù, di chi non riesce a stare fermo un attimo, testimoni chiave di un passaggio culturale – non solo legato allo skate – che ancora oggi rimane fondamentale.

Heath Ledger nei panni di Skip Engblom. Il vero Engblom oggi ha settant’anni.

Tra un brano di Jimi Hendrix (Voodoo Child sui titoli di testa vale il film, dateci un occhio qui sotto) e una canzone di Joe Walsh, e poi Bowie a tutto volume, con la macchina da presa della Hardwick appiccicata ai volti dei protagonisti e alle ruote veloci delle tavole, Lords of Dogtown riesce a far innamorare dello skate anche chi non sa nemmeno andare in bicicletta e rimarrete tutti affascinati da un trio tanto geniale quanto – irrimediabilmente – destinato a scoppiare, in un mondo, scopriranno i tre moschettieri, asservito ad unico e solo dio: il denaro.

Peralta, Alva e Adams (quest’ultimo scomparso nel 2014 per un attacco cardiaco, purista dello skate che aborriva l’influenza commerciale), in bilico tra ruote, tavola e strada in una simbiosi che li avrebbe portati ad essere i re di un’intera generazione. Assolutamente imperdibile.

Se invece volete leggere gli altri articoli di SportCorn, li trovate qui

Lascia un Commento

Game of Thrones: The Last Watch | Tra lacrime e dietro le quinte: l’addio a Il Trono di Spade

HOT CORN Tv | La Bambola Assassina: ecco com’è stato creato Chucky