in

Tra i ghiacci del Wyoming | I Segreti di Wind River e quel wester contemporaneo da rivedere

Jeremy Renner è un cacciatore di ”predatori”, in un film dove uomini e bestie sono la stessa cosa

ROMA – La scena dell’accerchiamento, a metà de I Segreti di Wind River, rimane impressa nello spettatore, anche a fine film. Uomini contro uomini, che come belve si scrutano, si spostano, tentando di incastrarsi gli uni con gli altri nelle valli innevate di un’America gelida. Colpevoli e innocenti o solo un istinto animale di sopravvivenza? In quella sequenza c’è tutto il film di Taylor Sheridan. Indizzi, silenzi e il pubblico che continuare a fiutare da sé la verità. Ovvero che, nella frontiera più lontana degli States, nel Wyoming che fu degli Indiani, vige ancora la legge del branco, comandata da quella supremazia del più forte che brutalmente si riversa sulle sparute cittadine dimenticate.

Jeremy Renner in Wind River

Alla regia dopo le sceneggiature di Sicario e Hell or High Water, Sheridan prende in prestito il thriller, per veicolare il racconto scritto nel 2017 in atmosfere che vogliono parlare dell’oggi attraverso una chiave più antica, magari il western. Le componenti del film non solo si infittiscono come il clima intransigente del Wyoming, ma si sviluppano con l’intelligenza del cacciatore andando a trasformare l’opera in una storia di demarcazione, dove la separazione tra “noi e loro” è troppo fragile e ha bisogno di quella più netta, e perciò più pericolosa, tra uomo e animale. La scena dell’accerchiamento ne è l’emblema principale.

Una scena del film

Alla ricerca del colpevole per la morte di una giovane donna, i protagonisti si ritrovano ad affrontare un vero stallo in cui la divisione che va formandosi non segue più le logiche della coscienza, ma si crea soltanto per puro impulso, lo stesso che ha portato all’ultimo giorno di vita della ragazza. Inseguire le orme che solcano le neve, mimetizzarsi nel bianco della tempesta. E lo fa Jeremy Renner nel suo ruolo da cowboy mentre cerca ancora un barlume di giustizia.

Elizabeth Olsen e Jeremy Renner insieme in Wind River

Proprio quella giustizia che in passato non ha saputo dargli pace e che ora, in quella desolazione, permette di agire vicino ad un unico comandamento: la rivalsa. Allora, tra predatori e prede, tra ferocia e vendetta I segreti di Wind River (passato in sala troppo velocemente, ma che potete rivedere qui su CHILI) è il western moderno che non ti aspetti. Anche grazie alla chiarezza di Taylor Sheridan, che narra con freddezza ciò che ci lega agli istinti più bestiali, non trascurando la possibilità di imparare a stare su due zampe e sperando di evolvere come uomini.

Volete rivedere il film di Taylor Sheridan? Lo trovate su CHILI:  I segreti di Wind River

Lascia un Commento

TOP CORN | Rabbia, polvere e un cowboy moderno: perché The Rider è un capolavoro

Spider-Man: Far From Home | La crescita di un eroe e quel viaggio appena iniziato