in

Hugh Grant e Ben Whishaw amanti? Sì, in una nuova serie: Uno scandalo molto inglese

Dal 23 novembre su Fox Crime in scena uno dei processi più seguiti in Inghilterra nel secolo scorso

Ben Whishaw e Hugh Grant in Uno scandalo molto inglese.

Hugh Grant torna con un ruolo da protagonista e lo fa in un nuovo lavoro targato BBC. L’attore interpreta Jeremy Thorpe, leader del Partito Liberare nei primi anni Settanta, affiancato da Ben Whishaw nella miniserie Uno scandalo molto inglese, che vede dietro la macchina da presa Stephen Frears, reduce da un’altra storia estremamente british come quella della regina Vittoria e del suo segretario indiano raccontata in Victoria e Abdul.

Hugh Grant con Ben Wishshaw, nella miniserie l’ex modello Norman Scott

Uno scandalo molto inglese è tratto dal libro di John Preston, autore omosessuale che ha esplorato il panorama letterario dell’erotismo gay attraverso saggi e la stesura di diverse antologie. Il romanzo da cui è tratta la miniserie (edito da Codice Edizioni in Italia) racconta, attraverso un impianto narrativo thriller, uno degli scandali che più hanno infiammato l’animo e i costumi del Novecento britannico. Di quale scandalo stiamo parlando? Di quello che vide il politico liberale Jeremy Thorpe (Hugh Grant) al centro dell’attenzione mediatica dopo le dichiarazioni del modello Norman Scott (Ben Wishahw), che dichiarò di essere stato il suo amante. Il caso si infittì quando Norman fu vittima di un tentato omicidio nell’ottobre del 1975, per cui Thorpe finì tra i sospettati.

Ancora Grant in Uno scandalo molto inglese

Una storia di inganni la cui premiere è andata in onda lo scorso maggio su BBC One e che sarà disponibile dal 23 novembre su Fox Crime. Il potente leader politico di Hugh Grant e l’ex modello di Ben Whishaw riproporranno uno dei processi che segnò il secolo scorso e che non trovò mai il vero colpevole. Nel cast anche Alex Jennings, Patricia Hodge, Monica Dolan e Adrian Scarborough.

Ecco il trailer di Uno scandalo molto inglese:

Lascia un Commento

L’Opinione | Tra violenza e capitalismo: perché Non Aprite Quella Porta è ancora attuale

L’opinione | Perché dovete recuperare Mektoub, My Love: Canto Uno