in

Glass Onion – Knives Out | Daniel Craig e il murder mystery secondo Rian Johnson

Il regista e l’attore tornano a fare coppia per una nuova indagine affidata all’ispettore Benoit Blanc

Glass Onion - Knives Out
I protagonisti di Glass Onion - Knives Out

ROMA – In principio furono i Radiohead e un loro brano, Knives Out, ad ispirare Rian Johnson per il titolo del primo film di una trilogia di cui ha appena firmato il secondo capitolo con il quale, questa volta, omaggia i Beatles: Glass Onion – Knives Out. Disponibile su Netflix dal 23 dicembre (data perfetta per goderselo con tutta la famiglia sul divano o per sfuggire all’ennesima tombolata), il film vede il ritorno di Daniel Craig nei panni di Benoit Blanc, l’investigatore più bravo del mondo, con il quale archivia definitivamente l’esperienza di agente segreto di Sua Maestà e abbraccia totalmente un ruolo capace di evidenziare le sue doti comiche e (auto)ironiche. Merito anche di una sceneggiatura che, rispetto al primo capitolo, gli concede più spazio.

Glass Onion - Knives Out
Una scena di Glass Onion – Knives Out

La storia? 2020, inizio della pandemia. Un miliardario egocentrico, Miles Bron (Edward Norton), invita la sua cerchia ristretta di amici per la loro riunione annuale. A fare da sfondo alla rimpatriata la sua isola greca privata. Gli ospiti includono la sua ex socia in affari Cassandra Brand (Janelle Monáe), la governatrice del Connecticut Claire Debella (Kathryn Hahn), lo scienziato Lionel Toussaint (Leslie Odom Jr.), l’ex modella diventata stilista Birdie Jay (Kate Hudson), la sua l’assistente Peg (Jessica Henwick) e l’influencer attivista per i diritti degli uomini Duke Cody (Dave Bautista) con la sua fidanzata Whisky (Madelyn Cline). Ah, e ovviamente Benoit Blanc a cui però Bron non ha mandato nessun invito.

Una scena del film

L’idea del miliardario, per ravvivare un po’ il weekend, è quella di organizzare una “cena con delitto” alla quale tutti dovranno partecipare per scoprire l’identità dell’assassino. Peccato che il morto poi ci scappi per davvero e tocchi a Blanc togliere, uno ad uno, tutti gli strati di bugie e segreti dietro cui il gruppo di “amici” si è trincerato nel corso degli anni per arrivare al cuore della verità. Se con il primo film le ambientazioni erano quelle calde e avvolgenti del New England, per Glass Onion – Knives Out Rian Johnson ha scelto i colori brillanti dell’estate greca, tra blu, bianco e verde, portando le atmosfere tipiche del murder mystery a bordo piscina.

Glass Onion - Knives Out
Daniel Craig nei panni di Benoit Blanc

Se Cena con Delitto, grazie alla famiglia Thrombey e all’infermiera di Ana De Armas, metteva in scena l’America razzista e lo scontro di ideali tra democratici e repubblicani, in Glass Onion – Knives Out nel mirino del regista ci sono i miliardari strafottenti e tutta quella cerchia di parassiti accondiscendenti che dalla loro ricchezza traggono vantaggi economici davanti ai quali nulla è più importante, nemmeno le proprie coscienze. Un cast corale all star, una messa in scena sfarzosa, una location mozzafiato e un mistero intricato (e ben congegnato). Gli ingredienti per il successo ci sono tutti, ma rispetto al suo predecessore, Glass Onion – Knives Out dà l’impressione di concentrarsi troppo sugli strati esteriori e dimenticare un po’ il cuore.

  • Volete leggere altre Opinioni? Le trovate qui

Qui sotto potete vedere il trailer di Glass Onion – Knives Out: 

Lascia un Commento

La marcia di Sean Penn, Bruce Springsteen e le riflessioni di Dead Man Walking

Whitney - Una Voce Diventata Leggenda

Whitney – Una Voce Diventata Leggenda? Un biopic tradizionale dallo sguardo femminile