in

Box Office | Aldo, Giovanni e Giacomo tornano grandi anche al botteghino

Odio l’Estate incassa 3 milioni, seguito al secondo posto da 1917. In USA Bad Boys non si ferma

Aldo, Giovanni e Giacomo primi al Box Office
Aldo, Giovanni e Giacomo primi al Box Office

ROMA – Quello di Aldo, Giovanni e Giacomo è stato un grande ritorno, in tutti i sensi. Infatti, in quattro giorni di programmazione, il loro nuovo film, Odio l’Estate (Medusa) diretto da Massimo Venier è riuscito a incassare 3 milioni al Box Office. Non dovrebbe avere difficoltà nel chiudere intorno ai 6/8. Secondo, basandoci sui dati Cinetel, dal 27 gennaio al 2 febbraio, c’è 1917 (01), 2,1 su 4,3 milioni. Terzo, Dolittle (Universal) con 2 milioni. Quarto troviamo Figli (Vision) che incassa 1,1 su un generale di 2,5 milioni. Al quinto posto ecco Jojo Rabbit (Disney) con 960 mila euro su 2,9 complessivi.

Odio l'Estate, primo al box office
Aldo, Giovanni e Giacomo tornano al primo posto del box office con Odio l’Estate

Dopo il boom delle scorse settimane, scende al sesto posto Me Contro Te Il Film (Warner), con 760 mila euro e un globale che sfiora i 10 milioni. Settimo, in uscita, Piccole Donne (Warner) con 583 mila euro su 5,4 milioni. Ottavo, una new entry: Il Diritto di Opporsi (Warner) con 584 mila euro. Nono posto? Dopo un mese, stiamo per salutare anche Checco Zalone e Tolo Tolo (Medusa): 372 mila euro su un generale di 46 milioni. Chiude la top 10 Judy (Eagle) con 312 mila euro.

Sam Mendes sul set con George MacKay e Dean-Charles Chapman

E negli USA? Bad Boys For Life non si arresta, anzi, arrivando a 148 milioni di dollari casalinghi. Nel mondo, il film ha toccato i 244 milioni di dollari. Non male, tanto che con largo anticipo è già stato programmato un quarto capitolo con Will Smith e Martin Lawrence. Secondo, in scia ai prossimi Oscar, 1917  fa altri 10 milioni nel week-end raggiungendo i 119 milioni di dollari d’incasso. Al terzo posto, riecco Dolittle: appena 55 milioni negli Stati Uniti e 126 nel mondo. Decisamente troppo poco.

Lascia un Commento

Febbre a 90°, Colin Firth e il calcio inteso quasi come una religione

Woody Allen, Manhattan e la profonda modernità di Io e Annie