in

Maleficent 2, Franca Valeri e Casey Affleck | Alice nella Città è diventata grande

Ricca e appassionante: è stata presentata la 17ª edizione della sezione autonoma della Festa di Roma

Alice nella città
Il manifesto di Alice nella città

ROMA – Il secondo capitolo di Maleficent, con tanto di arrivo nella capitale delle due protagoniste, Angelina Jolie e Michelle Pfeiffer il prossimo 7 ottobre per l’evento speciale di preapertura, la Masterclass coi fratelli Dardenne che presentano fuori concorso L’età giovane, la presenza di Carlo Verdone, Giuseppe Tornatore, Gianni Amelio e Gabriele Muccino. E poi l’omaggio al talento geniale di Franca Valeri e alla regina della chick lit, Sophie Kinsella. È un programma ricco, anzi di più, quello di Alice nella Città, sezione autonoma e parallela dedicata alle giovani generazioni, della Festa del Cinema di Roma. Una rassegna arrivata alla diciassettesima edizione e prossima alla “maturità”, che quest’anno vuol celebrare la resilienza attraverso un’offerta davvero varia di film provenienti da tutto il mondo. 13 le opere del Concorso Young Adult (in extremis è arrivata anche Rocks di Sarah Gavron), 7 eventi speciali, con la presentazione di 3 serie. Un palinsesto notevole a cui si affianca la selezione di Panorama Internazionale e Panorama Italia. Per i direttori artistici Gianluca Giannelli e Fabia Bettini, la conferma della forza di un festival che segue «come bussola la rottura dell’ordine imposto dalla realtà, rottura che altro non è che la conquista della scoperta dell’avventura».

Alice nella città
Un’immagine della conferenza stampa di Alice nella Città al Maxxi di Roma

DIVENTARE GRANDI – «Stiamo bene e siamo felici, stavolta il programma è enorme, uno sforzo gigante per le nostre possibilità. Avremo una preapertura con ospiti straordinari. Angelina Jolie e Michelle Pfeiffer presenteranno il sequel di Maleficent e finalmente possiamo dire che incontreranno gli studenti delle scuole di cinema per una Masterclass speciale. Lo abbiamo chiesto in maniera specifica e grazie alla Disney questo è stato possibile. Sarà un’occasione unica in cui i ragazzi potranno parlare con chi amano».

Angelina Jolie è ancora Malefica

PANORAMA ITALIA – «Di questa selezione fanno parte opere coraggiose, oneste, complesse, con una grande proposta di documentari. Il documentario ci consente di entrare in ambienti in cui spesso il cinema non entra e riesce a scandagliare meglio il mondo dell’infanzia. Cito in particolare Marco Polo di Duccio Chiarini in cui il regista osserva un gruppo di studenti di un istituto di Firenze e Frammenti, un progetto bellissimo realizzato con Miur e Mibac in cui sei registi, tra i 18 e i 25 anni, vengono coordinati da Paolo Bianchini. Per finire, il documentario prodotto da Michele Santoro, Volare, che racconta gli adolescenti attraverso la musica trap. Grande poi è la presenza di un cinema italiano libero, sotterraneo, indipendente che sfugge dalle maglie dei grandi festival, ma che dobbiamo raccontare. Con l’obiettivo assoluto di sostenere dal punto di vista distributivo proprio le opere più piccole».

Un’immagine di Light of my life

PANORAMA INTERNAZIONALE – «Panorama internazionale ci fa recuperare i grandi film per ragazzi, con tematiche significative e importanti. Non solo intrattenimento ma anche approfondimento. Siamo felici di poter presentare Light of my life di Casey Affleck e Maternal di Maura Delpero, unico film italiano presente nella selezione, già molto amato a Locarno. E di riavere Bertrand Bonello con il suo Zombi Child. Abbiamo anche un Focus sull’Asia, con la presentazione di due opere imperdibili: Taro the Fool del giapponese Tatsushi Omori, racconto intenso sull’adolescenza nelle megalopoli orientali e Mosaic portrait di Zhai Yixiang. Non mancheranno le proposte indie dagli USA come Bull di Annie Silverstein e Mickey and the bear di Annabelle Attanasio».

Morticia e Gomez Addams hanno le voci di Virginia Raffaele e Pino Insegno

EVENTI SPECIALI – «Gli eventi speciali sono sempre stati una caratteristica di Alice nella città, in particolare con i grandi film d’animazione. Lino Di Salvo sarà con noi per presentare Playmobil: The Movie con due dei doppiatori, Cristina D’Avena e J-Ax. E sarà presentato anche La Famiglia Addams, cosa che ci rende particolarmente felici perché porterà sul red carpet Loredana Bertè, che doppia il personaggio della nonna. Altro evento da segnalare, Ailo – Un’avventura tra i ghiacci, un film delicato che ricorda la marcia dei pinguini, con la voce narrante di Fabio Volo. E per tutte le amanti della chick lit, Sophie Kinsella sarà a Roma per presentare il film tratto dal suo omonimo romanzo, Can You Keep a Secret. Al suo fianco anche l’interprete e produttrice Alexandra D’Addario con la quale si parlerà anche di produzione al femminile. C’è poi El numero nueve – Gabriel Batistuta, documentario di Pablo Benedetti, in cui il campione di calcio argentino si mette a nudo nel rapporto con i figli. In chiusura arriverà anche Alessandro Siani con Il giorno più bello del mondo».

Il segno di Venere: Sofia Loren, Raf Vallone e Franca Valeri

FRANCA, O CARA – Alice nella Città con la collaborazione dell’Accademia del Cinema italiano – Premi David di Donatello renderà omaggio a Franca Valeri con un incontro, in programma il 20 ottobre, coordinato da Pino Strabioli assieme ad Anna Foglietta e Paola Minaccioni che sul suo idolo ha espresso poche parole. «Tutto quello che ha fatto è stato un capolavoro», ha detto. Durante l’incontro verranno proiettati gli spezzoni di alcuni film della Valeri, Piccola Posta, Il segno di Venere, Il vedovo e Parigi o cara. Imperdibili.

Carlo Verdone incontra Fabris ad Alice nella città

RESTAURI, INCONTRI E MASTERCLASS – «Quest’anno sono cinque i film restaurati. Partiamo da Compagni di scuola. Carlo Verdone sarà presente il 18 per un incontro tutto da ridere con Fabris. Per i 30 anni della Fandango, invece, abbiamo deciso di restaurare Come te nessuno mai di Gabriele Muccino, un’opera che ha raccontato bene gli anni ’90 e che verrà impreziosita dal dialogo tra il regista e Domenico Procacci. Poi c’è La fine del gioco di Gianni Amelio, la sua opera prima. Un film bellissimo, pensato per la TV sperimentale degli anni ’70 che già apriva lo sguardo verso Il ladro di bambini. Tra i capolavori restaurati, anche Miracolo a Milano di Vittorio De Sica. Si chiude con la copia restaurata di Rosetta dei fratelli Dardenne che si confronteranno con la platea capitolina in occasione della presentazione di La giovane età. Destino condiviso con Giuseppe Tornatore, che il 17 aprirà il ciclo di incontri col pubblico».

Un’immagine di Son-Mother di Mahnaz Mohammadi

CONCORSO – «Qui la presenza italiana è trasversale. Abbiamo due opere prime importanti, L’agnello di Mario Piredda e La Famosa Invasione degli Orsi in Sicilia, tratto dall’omonimo romanzo di Dino Buzzati e diretto dal più grande illustratore di casa nostra, Lorenzo Mattotti. Poi abbiamo registi italiani che lavorano a produzioni internazionali. È il caso di Emanuele Gerosa e del toccante documentario One More Jump, su una squadra di parkour che a Gaza trova nuove forme di resistenza e del triestino Martin Turk, autore di Don’t forget to breathe. Tantissime nella selezione le registe donne: citiamo l’inglese Sarah Gavros (Rocks) e l’iraniana Mahnaz Mohammadi (Son-Mother)».

  • Qui potete vedere il trailer di La Famosa Invasione degli Orsi in Sicilia

Lascia un Commento

Il Piccolo Yeti | Tra E.T. e Stand By Me: Jill Culton racconta la creazione del film

Odissea nell’ospizio | Jerry Calà, quattro Gatti sul palco e una serata memorabile