in

Peaky Blinders 6 chiude l’Era degli Shelby. Ma è un finale che soddisfa?

La sesta e ultima stagione della serie Netflix mette (forse) la parola fine ad una saga cult

peaky blinders
La fine di un'era: Peaky Blinders 6

MILANO – Di una cosa possiamo essere sicuri: Tommy Shelby riesce sempre a salvarsi. Si è salvato dalla guerra, dai tradimenti, da un assassinio e dai fascisti. Si è salvato da una vita che non sentiva propria, dal dolore insopportabile della perdita della donna che amava e da un tracollo finanziario che ha distrutto l’impero costruito a suon di complotti e pistole. Ma è giunto il momento di tirare le fila, di mettere in atto l’ultimo grande piano e forse riuscire così a tenere a bada una volta per tutte i suoi demoni. E come per lui, il momento è arrivato anche per la serie che ha raccontato le sue gesta. Su Netflix arrivano i sei episodi finali di Peaky Blinders, una sesta stagione che si prepara a chiudere un’era. O quasi.

peaky blinders
Cillian Murphy torna a vestire i panni di Tommy Shelby

Tommy (sempre un grande Cillian Murphy) è esattamente dove l’avevamo lasciato, in quel campo fitto di nebbia dove sembrava sul punto di uccidersi. Non lo farà, ovviamente. Su questo non c’erano dubbi. Ma il mondo attorno a lui è pronto a modificarsi drasticamente. L’ultimo, spregiudicato, tentativo di eliminare Oswlad Mosley gli si è drammaticamente ritorto contro. La famiglia Shelby subisce perdite devastanti e lui rimane solo, ancora una volta a brancolare nel buio. Servono quattro anni prima che si rimetta in sesto e riprenda gli affari, più lucido e spietato che mai. Tommy Shelby pensa sempre più in grande e anche se siamo ormai nel 1933, la concezione del mondo dei Peaky Blinders rimane sempre la stessa.

Una scena della sesta stagione di Peaky Blinders

Il pubblico però, è ormai abituato a tutta un’altra scala. Ben lontani dalle corse dei cavalli della prima stagione, la portata della serie è mano a mano cresciuta fino a raggiungere proporzioni magistrali. Anche se la serie creata da Steven Knight è riuscita a creare un culto dell’anti-eroe, il punto centrale di ogni stagione è sempre stato il nuovo fin limite fin cui la spietatezza degli Shelby si sarebbe spinta. E la sesta stagione porta questo sconforto ancora più in là: anche Tommy può sembrare un santo se si trova contro un gruppo organizzato che vuole commettere un genocidio. Più politica, più giochi e sotterfugi e meno di quell’atmosfera gangster che ha sempre caratterizzato i Peaky Blinders sono ciò che attende chi inizia a guardare quest’ultima stagione. Non c’è da stupirsi, la banda sembra ormai vicina al tracollo.

peaky blinders
Cillian Murphy e Anya-Taylor Joy in una scena

Visual magnifici ma un po’ sottotono. I Peaky Blinders hanno perso l’orientamento. Il vuoto più grande e che sembra impossibile da colmare è quello lasciato da Helen McCrory. Il primo episodio è un meraviglioso addio a uno dei punti saldi della serie, ma purtroppo non basta. Il suo feroce carattere non era solo una delle parti migliori nelle dinamiche della serie: Zia Polly era anche la colla emotiva che teneva insieme la famiglia quando tutti andavano in direzioni diverse, e il riferimento di Tommy quando la situazione gli sfuggiva di mano. Ada (Sophie Rundle) prova a farne le veci e a prenderne il testimosne, ma è un’assenza troppo grande per non farsi sentire.

Una scena di Peaky Blinders 6

Il freddo e grigio inverno di Thomas Shelby sta per volgere al termine, la parabola dark che dai bassifondi di Birmingham l’ha visto ergersi a membro del Parlamento lo vuole far tornare nei panni di un diavolo profondamente diviso tra ciò che è giusto e ciò che invece sente di dover fare. Ma quello che dovrebbe essere l’ultimo grande atto dei Peaky Blinders si trasforma invece in un mezzo addio. Forse l’ombra del film che Steven Knight ha promesso ai fan ha già iniziato a stagliarsi sulla serie televisiva, lasciando presagire che quello sarà il vero addio ai gangster che hanno conquistato il piccolo schermo. Il viaggio è stato bello finché è durato, anche se la sesta stagione potrà non soddisfare le aspettative di tutti. Ci mancheranno, questo è certo.

  • Scoprite qui la sezione Serie Tv
  • NEWSLETTER | Iscrivetevi qui alla newsletter di Hot Corn!

Qui il trailer di Peaky Blinders 6:

Lascia un Commento

love & gelato

VIDEO | Susanna Skaggs, Tobia De Angelis e Saul Nanni raccontano Love & Gelato

Tutti i Nostri Desideri: un dramma sociale e privato in una storia di empatia