in

Avvocato di difesa | Manuel Garcia-Rulfo e un legal drama lontano dagli stereotipi

La serie Netflix è ispirata al secondo romanzo di Michael Connelly dedicato all’avvocato Mickey Haller

Avvocato di difesa
Manuel Garcia-Rulfo in Avvocato di difesa

ROMA – Ve lo ricordate Avvocato di difesa, film tratto dal primo romanzo di Michael Connelly diretto da Brad Furman e con protagonista Matthew McConaughey? Ora su Netflix trovate un legal drama omonimo creato da David E. Kelley. Questa serie TV, però, si distingue fin da subito dal precedente prodotto cinematografico trovando la sua ispirazione nel secondo libro dell’autore e costruendo una storia differente nelle sue dinamiche interne. Al centro di tutto troviamo Mickey Haller (Manuel Garcia-Rulfo), avvocato di Los Angeles che deve il suo soprannome al continuo lavorare su una Lincoln Town Car piuttosto che in un più classico e stabile ufficio. Un personaggio imperfetto, intento a lottare con alcuni demoni interni.

Manuel Garcia-Rulfo e Becki Newton in una scena della serie

Come avvocato, Mickey, non lavora da oltre un anno per via di un incidente con il surf che lo ha spinto verso una forte dipendenza. Nel momento in cui facciamo la sua conoscenza ne è uscito, ma sta ancora lottando per tornare quello di un tempo. Un evento tragico lo riconduce alla realtà: un suo collega viene ucciso lasciandogli in eredità il suo ufficio e clienti. Haller si ritroverà quindi a fare i conti con tutti i suoi casi, tenendo a bada sia i pesci piccoli che i grandi. Uno fra tutti muove le redini della trama: un genio dell’informatica videoludica è stato accusato di omicidio, tutto parrebbe ricondurre a lui e difenderlo sembra un’impresa titanica.

Avvocato di difesa
Manuel Garcia-Rulfo è Mickey Haller in Avvocato di difesa

Per tener testa alla situazione Mickey dovrà fare affidamento sia sulla sua seconda moglie Lorna (Beki Newton), pronta ad affiancarlo dal punto di vista della gestione burocratica del nuovo ufficio, che sul suo amico Cisco (Angus Sampson), un detective privato dal passato oscuro. A tutto questo Avvocato di difesa aggiunge uno spaccato sulla sua vita privata, caratterizzata da un rapporto particolare con la prima moglie Maggie (Neve Campbell), vice procuratore di Stato, e la loro figlia adolescente.Ma la serie ha dalla sua la capacità di sapersi destreggiare con fluidità con un racconto corale e con una manciata di personaggi, sia vicini che lontani al protagonista, interessanti nelle loro specifiche storie.

Avvocato di difesa
Neve Campbell in una scena di Avvocato di difesa

Pur originandosi da premesse piuttosto classiche, Avvocato di difesa riesce a intrattenere proprio per via della sua particolare scrittura, nel modo in cui lega insieme alcuni elementi classici del suo genere con un protagonista lontano dagli stereotipi del caso. Imperfetto e pronto a rimettersi in gioco in una giostra visiva che non soltanto intrattiene, ma mette anche a nudo alcune dinamiche legislative tipiche della contemporaneità americana.

  • Volete leggere altre Opinioni? Le trovate qui

Qui sotto potete vedere il trailer di Avvocato di difesa:

Lascia un Commento

chiamami col tuo nome

L’amore ai tempi di Luca Guadagnino | Chiamami col tuo Nome e quel cult inatteso

Chet, Django, Joe Albany e quei film jazz dimenticati. Perché recuperare Low Down