in

Da papà Ethan a Stranger Things 3: l’irresistibile ascesa di Maya Hawke

La primogenita di Uma Thurman e Ethan Hawke sarà nella terza stagione. Ma da dove viene?

Papà e figlia: Ethan, Maya Hawke e un selfie.

Si sa, la storia del cinema pullula di figli d’arte, più o meno illustri: c’è chi ha intrapreso la medesima carriera del genitore (o di entrambi i genitori) o chi invece – pur rimanendo nell’orbita della disciplina cinematografica – ha deciso di virare su una specializzazione leggermente diversa. L’elenco dei personaggi che hanno seguito le orme dei genitori è interminabile, arriva da lontano, ed annovera artisti del calibro di Sofia Coppola – figlia del grande Francis Ford – ma anche il figlio di Tom Hanks, Colin, la figlia di Johnny Depp e Vanessa Paradis, Lily-Rose Depp, senza dimenticare uno degli ultimi arrivati, Gabriel-Kane Day-Lewis, erede di Daniel, e qui tralasciamo famiglie storiche come i Barrymore, i Douglas e i Sutherland.

Altro selfie di famiglia: Maya e, sullo sfondo, Ethan.

In questa sconfinata lista figura anche Maya Hawke, primogenita della ex-coppia formata da Ethan Hawke e Uma Thurman, e nata l’8 luglio del 1998, ovvero pochi mesi dopo il colpo di fulmine e l’incontro dei due attori sul set di Gattaca. Ventenne, l’attrice è salita alla ribalta per essere stata scritturata da Netflix per la terza stagione di Stranger Things. Ragazza con una forte passione per la moda – proprio come mamma Uma e la nonna modella, Nena von Schlebrügge – e con un’eredità dal peso non indifferente, Maya però sembra vivere serenamente la figura dei genitori: «Ho un rapporto splendido con entrambi. Mi hanno insegnato tanto e continuano a farlo. Ho molto rispetto per le loro carriere e le loro vite: sono orgogliosa di essere loro figlia».

Maya Hawke sul set di Stranger Things 3 con Joe Keery.

Ma da dove arriva Maya Hawke? Da un inizio come modella per Vogue e Calvin Klein, perché la sua carriera d’attrice è cominciata da poco, da poco più di un anno, da quando la BBC le affidò il ruolo di Jo March nella miniserie Piccole Donne, riadattamento dell’omonimo romanzo di Louise May Alcott. La Hawke ha poi girato Ladyworld, film indie diretto da Amanda Kramer, al fianco di Ariela Barer e Ryan Simpkins. Ma non solo, Sofia Coppola l’aveva scelta per interpretare il ruolo della sirenetta ne La sirenetta, ennesimo live action Disney ma, in un secondo momento, le è stata preferita dalla produzione la più nota Chloë Moretz, decisione che ha fatto fuggire anche la Coppola dal progetto.

Selfie da set: Maya in camerino.

Ma com’è vista l’ascesa di Maya da babbo Ethan? Bene, visto che lui ha dichiarato molto candidamente: «Vedere tua figlia fiorire e vederla crescere in una professione per la quale nutri grande rispetto e alla quale hai dedicato la tua vita, mi rende molto orgoglioso, non mento». In Stranger Things 3 vedremo la Hawke interpretare Robin, una ragazza alternativa stanca della quotidianità del suo lavoro, che riuscirà ad evadere dalla monotonia proprio quando scoprirà un oscuro segreto nella ormai celebre città di Hawkins. Che sia nata una nuova diva? Staremo a vedere. L’appuntamento è per il 4 luglio.

  • Ecco Maya Hawke in gelateria nel teaser di Stranger Things 3:

Lascia un Commento

Dai Queen a 007: sarà Rami Malek il prossimo nemico di James Bond?

Dopo Indivisibili, tra ribellione e futuro: a Los Angeles con Marianna Fontana