in

VIDEO | Garth Jennings: «Sing 2, l’entusiasmo di Bono e il supporto degli amici»

Dalla componente visiva al Clay Calloway del leader degli U2: il regista racconta il film a Hot Corn

Garth Jennings
Garth Jennings

TORINO – «Ogni personaggio del film ha una propria storia. Quindi la musica e il messaggio per ognuno di loro è diverso. La storia di Clay Calloway è concentrata sul lutto e la guarigione. Non puoi semplicemente “aggiustare” qualcuno che è triste, ma puoi essere lì per lui e rassicurarlo che non è solo. Ad un certo punto il pubblico canta per lui. Ed è questo quello di cui ha bisogno». Garth Jennings racconta a Hot Corn Sing 2 – Sempre più forte, film di apertura del Torino Film Festival. Un nuovo capitolo in cui i protagonisti dovranno abbandonare il Moon Theatre per esibirsi sul palco del Crystal Tower Theatre. Abbiamo parlato con il regista dell’incredibile aspetto visivo del film, dell’apporto dato al film da Bono, cantante degli U2, e di come la regia dei video (ricordate Coffee & Tv dei Blur?) lo abbia aiutato nelle scene musicali di questo secondo capitolo.

  • Sing 2: video intervista a Zucchero e Frank Matano

La video intervista a Garth Jennings è a cura di Manuela Santacatterina:

Lascia un Commento

Quel capolavoro pop che fu (e rimane) Dramma della gelosia (tutti i particolari in cronaca)

lone survivor

Lone Survivor | Mark Wahlberg, l’Afghanistan e la missione di Marcus Luttrell