in

Casadilego: «My Soul Summer e il mio debutto al cinema a tempo di musica»

Fabio Mollo, Casadilego e Luka Zunic ci hanno raccontato il film presentato ad Alice nella Città

Casadilego e Tommaso Ragno in My Soul Summer
Casadilego e Tommaso Ragno in My Soul Summer

ROMA – Trovare il proprio posto nel mondo grazie alla musica. Fabio Mollo dirige – su sceneggiatura di Doriana Leondeff e Antonio Leotti – My Soul Summer, un coming-of-age in sala musicale (appunto) con protagonista Elisa Conclite alias Casadilego, all’esordio cinematografico. La storia? Quella di Anita, diciassette anni, con il talento per il pianoforte e per il canto. I genitori (in particolar modo sua mamma, con il volto di Anna Ferzetti) la vorrebbero al Conservatorio e, per farla concentrare sugli studi, le faranno passare l’estate in Calabria, dalla nonna, lontana dalle distrazioni. Però, si sa, i sogni trovano sempre una strada: qui, oltre conoscere Vittore (Luka Zunic), un ragazzo della sua età, si scontrerà casualmente con la rockstar Vins (Tommaso Ragno) che la spronerà ad inseguire il suo talento: quello di essere una meravigliosa cantautrice.

My Soul Summer, che si avvale qua e là di folgoranti pezzi di Nina Simone (stupendo poi con una grande cover di Serenere, interpreta da Casadilego), ha come filo conduttore la musica stessa, che fa da riflesso ai sogni e alle aspettative di una ragazza alla ricerca di una sua identità. “La musica è l’unico posto dove riesce a trovare se stessa. Il centro del film è indubbiamente la musica ed è per questo che ho scelto di girare solo con esibizioni dal vivo”, ha detto Fabio Mollo, che nella nostra video intervista ha spiegato poi i suoi riferimenti musicali cinematografici, “Le mie tre references sono: What Happened, Miss Simone?, l’altro è Whiplash e poi Cercasi Susan Disperatamente con Madonna…”.

  • VIDEO | Qui il trailer di My Soul Summer con Casadilego:

Lascia un Commento

i nostri ieri

I Nostri Ieri | Andrea Papini e Maria Roveran raccontano il film

VIDEO | Camilla Filippi: «Io, tra Lillo, Christian e il mito di Giulietta Masina…»