in

Josh Hartnett: «Oppenheimer, l’amore per Fellini e quel set con Sofia Coppola»

In occasione della V edizione del Filming Italy Sardegna Festival abbiamo intervistato l’attore

Josh Hartnett al Filming Italy Sardegna Festival
Josh Hartnett al Filming Italy Sardegna Festival

CAGLIARI – «Sul set con Sofia Coppola ero un teenager, e tutto ha funzionato esattamente come mi aspettavo. Era una comunità di persone riunita per creare un piccolo film, senza ego, ma lavorando sodo. Sofia aveva il controllo totale, e questa è una cosa importante, perché c’è solo una sola persona a cui rivolgersi quando si parla del proprio personaggio…», in occasione del Filming Italy Sardegna Festival al Forte Village di Cagliari abbiamo intervistato Josh Hartnett che ci ha raccontato di quanto Il Giardino delle Vergini Suicide di Sofia Coppola sia stato un film importante per la sua carriera, e di quanto la regista sia molto simile a Christopher Nolan, che lo ha voluto nel suo atteso film, Oppenheimer. Durante la chiacchierata ha poi confidato di quanto sia stato fondamentale per lui prendersi una pausa dall’industria, è tornato idealmente sul set di Slevin – Patto Criminale e ha dichiarato di essere innamorato del cinema di Fellini e di Quentin Tarantino.

  • Tiziana Rocca: «Il mio Filming Italy nel segno della rinascita e dei giovani»
  • Cuba Gooding Jr.: «L’attualità di Boyz in the Hood e l’amore per Kubrick»
  • Édgar Ramírez: «Florida Man e Borderlands: le mie commedie dark»
  • Regina King: «A Man in Full, Shirley Chisholm e l’importanza di sognare»
  • Justin Hartley: «This Is Us? Un’esperienza che mi ha cambiato la vita»

La video intervista a Josh Hartnett è a cura di Manuela Santacatterina:

Lascia un Commento

Xiao Wu o del perché dovreste recuperare il primo lungometraggio di Jia Zhangke

Tra Jacques Tati e Wes Anderson, ecco l’estate de Le Vacanze del Piccolo Nicolas