in

In Viaggio Verso un Sogno | Shia LaBeouf, la felicità e un film che non dimenticherete

Finalmente in Italia il film rivelazione diretto da Tyler Nilson e Michael Schwartz. In digital su CHILI

In Viaggio Verso un Sogno
I protagonisti di In Viaggio Verso un Sogno

ROMA – Tasche vuote e mani sporche, scarpe logore e rimpianti. Come l’Hucklberry Finn di Mark Twain, come le memorie viaggianti di Henry Miller. Il cammino di Zak e Tyler, iniziato un po’ per caso un po’ per destino, ricorda, con semplicità e candore, che non è tutto qui. Che oltre il fiume c’è davvero quella terra promessa. Bramata notte dopo notte, in un letto trasformato in un ring, dove si è fatto a pugni con l’illusione, aspettando l’attimo giusto per fuggire lontano senza mai voltarsi. Perché, più dell’apparente diversità, i registi e sceneggiatori Tyler Nilson e Michael Schwartz, nel loro The Peanut Butter Falcon, finalmente in Italia con il titolo In Viaggio Verso un Sogno (lo trovate in digital su CHILI), hanno voluto raccontare quanto sia importante l’amore spassionato per muovere le cose: sogni, amicizia, speranza.

In Viaggio Verso un Sogno
Shia LaBeouf è Tyler, Zack Gottsagen è Zak

E il film di Nilson & Schwartz aveva cominciato a far parlare di sé già dalla presentazione al South by Southwest di Austin: budget limitato, un grande cast e un esordio alla regia davvero niente male. Poi, certo, c’è la storia: quella di Zak (Zack Gottsagen), ragazzo con la sindrome down che scappa dall’istituto che lo ospita per inseguire il sogno di diventare un wrestler professionista. E c’è la storia di Tyler (Shia LaBeouf), anch’esso in fuga dopo aver (in)volontariamente dato alle fiamme il molo da pesca dove lavora. Il loro incontro, rocambolesco e inaspettato, da una svolta al loro percorso. Si uniranno, sotto il sole tiepido della North Carolina, aiutandosi a vicenda.

In Viaggio Verso un Sogno
Seguendo la corrente

Imparando reciprocamente che ogni difficoltà, se osservata da un’altra prospettiva, è molto più simile ad un’occasione. E lo capirà anche Eleanor (Dakota Johnson), assistente di Zak, che si mette sulle sue tracce per (provare) a riportarlo a casa. Insieme a questo improbabile ma folgorante terzetto, che si muove lento e ma imperterrito come il fiume che li accompagna e li protegge – vero e proprio protagonista, esaltato dalla fotografia di Nigel Bluck –, il duo di registi ci spiega in poche battute proprio il significato dietro due parole fin troppo abusate: casa e famiglia. Infatti, Zak e Tyler, ci mostrano come le prospettive possono cambiare, come la famiglia sia un concetto soggettivo e quanto il significato di casa si presti a metafore infinite, molto spesso fuori dall’ordinario.

In Viaggio Verso un Sogno
Zack Gottsagen, Dakota Johnson e Shia LaBeouf

Così, In Viaggio Verso un Sogno cattura la bellezza più semplice, come le distese di campi di pannocchie, le spiagge solitarie e il vento, complice di quest’avventura cinematografica che si rifà alla narrativa americana di viaggio. E allora, trasportati da un fiume che indica la strada verso la libertà, mentre un giro di bluegrass racchiude le anime ammaccate e magiche dell’America rurale – e infatti la colonna sonora è uno dei punti di forza del film –, è lampante quanto The Peanut Butter Falcon sia una vera gemma del cinema indie, capace di mescolare emozioni e sensazioni diametralmente opposte. Ma, soprattutto, ci fa tornare a credere nei sogni, anche quelli che sembrano impossibili da realizzare. Perché, alla fine, basta seguire la corrente per (intra)vedere la felicità.

  • Volete vedere In Viaggio Verso un Sogno? Lo trovate su CHILI
  • In Viaggio Verso un Sogno: speciale Hot Corn Weekly

Qui potete vedere il trailer de In Viaggio Verso un Sogno:

 

 

Lascia un Commento

Fa’ la cosa giusta | Perché trent’anni dopo la favola di Spike Lee è ancora potente

Marilyn Monroe

Marilyn Monroe, i diari segreti e quella donna fragile nascosta dietro la diva