in

I’ll Be Gone in the Dark | Michelle McNamara, un romanzo e il Killer del Golden State

Il documentario HBO è l’adattamento per il piccolo schermo del best seller postumo della scrittrice

I'll be gone in the dark

MILANO – Anziano, seduto su una sedia a rotelle, con una visiera trasparente per proteggersi dal Coronavirus e la tuta arancione della prigione federale. Appariva così ex agente di polizia Joseph James DeAngelo – meglio conosciuto come il Killer del Golden State – davanti alla corte dove si è dichiarato colpevole di tredici omicidi. Una scelta dettata, dopo anni di silenzi, per evitare la pena di morte – sostituita da undici ergastoli – per aver terrorizzato la California dal 1975 al 1986 con stupri e omicidi. Solo due giorni prima sulla HBO aveva debuttato I’ll Be Gone in the Dark, un documentario crime dedicato al libro omonimo e alle indagini di Michelle McNamara.

I'll be gone in the dark
Un’immagine della serie

Le riprese dello show iniziarono il 24 aprile del 2018. Per uno strano caso del destino, quello stesso giorno DeAngelo fu arrestato nella sua abitazione. Due anni prima Michelle McNamara, sposata con il comico e attore Patton Oswalt, era morta per un overdose accidentale di farmaci lasciando il suo lavoro incompiuto. Sarà proprio Oswalt, insieme agli scrittori di romanzi crime Paul Haynes e Billy Jensen, ad avere il compito di portare a termine il libro che diventerà in breve tempo un best seller del New York Times.

I'll Be Gone in the Dark
Un’immagine della serie

Tutto il lavoro della scrittrice è ora un documentario in sei parti diretto da Liz Garbus – già nominata agli Oscar per What Happened, Miss Simone? -, Elizabeth Wolff e dalla coppia Myles Kane e Josh Koury, composto da ricostruzioni e interviste a detective, familiari delle vittime e sopravvissuti. A fare da filo rosso in I’ll Be Gone in the Dark – il titolo di riferisce a una frase pronunciata dal killer, «You’ll be silent forever, and I’ll be gone in the dark» – le stesse parole scritte dalla McNamara e interpretate da Amy Ryan (The Wire, Beautiful Boy).

I'll be gone in the dark
Un’immagine della serie

Esattamente come era accaduto qualche anno fa per The Jinx – la trovate su CHILI -, un’altro documentario HBO diretto da Andrew Jareki e incentrato sulla «vita e le morti» del miliardario omicida Robert Durst – anni prima il regista aveva dedicato alla vicenda un film, Love & Secrets, con Ryan Gosling e Kirsten Dunst – anche per I’ll Be Gone in the Dark a muovere lo show è l’ossessione per la verità – The Jinx porterà addirittura all’arresto di Durst – e la sovrapposizione tra realtà dei fatti e la sua ricostruzione.

  • Il ritorno di Perry Mason, tra Matthew Rhys, L.A. e la Grande Depressione

Qui potete vedere il trailer di I’ll Be Gone in the Dark:

Lascia un Commento

Echo In The Canyon

Echo in the Canyon | Jakob Dylan tra sogni e suoni degli anni Sessanta

Sotto il Sole di Riccione: Fotinì Peluso, Cristiano Caccamo e Claudia Tranchese intervistati da Hot Corn

Sotto il Sole di Riccione: intervista a Fotinì Peluso, Cristiano Caccamo e Claudia Tranchese