in

Ritorno ad Abbey Road | I Beatles e quello scatto che segnò il Novecento

Un’edizione speciale celebra il classico del 1969. In attesa di vedere il film di Danny Boyle…

LONDRA – Era l’8 agosto di cinquant’anni fa quando venne scritta la storia. La band più famosa del mondo si fermò fuori dagli EMI Recording Studios di Londra per attraversare, in fila indiana, le strisce pedonali di Abbey Road. Con il fotografo Iain Macmillan in equilibrio su una scala e un vigile urbano a fermare il traffico, i Beatles attraversarono per tre volte – non a caso oggi è luogo di pellegrinaggio, per buona pace degli automobilisti – con John Lennon in testa, seguito da Ringo Starr, Paul McCartney e George Harrison. Vennero scattate solo sei foto. La quinta fu scelta per la copertina del penultimo album in studio dei Beatles: Abbey Road.

La cover di Abbey Road

Uscito il 26 settembre 1969, Abbey Road non è l’ultimo album dei Beatles, con Let It Be pubblicato nel 1970, ma fu l’ultimo che John, Paul, George e Ringo registrarono insieme. Così, il 2019, diventa un anniversario fondamentale per i Fab Four e per la storia della musica. Talmente importante, che non a caso, lo sceneggiatore Richard Curtis, affidando la sua storia alla regia di Danny Boyle, ha scritto Yesterday (dal 26 settembre al cinema), immaginando un pazzesco mondo dove i Beatles non sono mai esisti. O meglio, sono esistiti solo per l’aspirante e squattrinato cantante Jack Malick (interpretato dal bravo Himesh Patel), che sfrutterà proprio i testi della band di Liverpool per avere successo all’interno di un’industria musicale spietata.

Tra le canzoni del film, naturalmente, anche quelle incise su Abbey Road. Proprio quei brani stanno per tornare in una serie di edizioni speciali in arrivo il 27 novembre. «Il viaggio dei Beatles nella registrazione si sviluppò attraverso tornanti e svolte, curve formative e percorsi interessanti. Eccoci qui ad ammirare ancora tutta quella magia», afferma McCartney nella sua prefazione per le edizioni del 50° anniversario di Abbey Road, disponibile da oggi in preorder e presentato con un nuovo mix del produttore Giles Martin e di Sam Okell. Questa è la prima volta che Abbey Road viene remixato e pubblicato con l’aggiunta di sessioni di registrazioni e demo.

Abbey Road, oggi luogo di pellegrinaggio

Sempre per l’anniversario, verrà pubblicato il Box Super Deluxe di Abbey Road, contenente 40 tracce – compreso un Trial Edit & Mix del leggendario The Long One -, un book, annotazioni, photo-shoot, un saggio firmato dal giornalista David Hepworth, foto inedite e testi scritti a mano mai mostrati fin ora. Ovviamente, tutte le tracce sono rimasterizzate in alta definizione. Per i collezionisti, occhio al Deluxe Vinyl Box in edizione limitata, con il disco contenuto in una busta che riproduce fedelmente l’artwork originale. Così, ripensando a Yesterday di Danny Boyle, come poche volte prima, ci rassicura il fatto che quello sia solo un film. E che a partire dall’uscita di Abbey Road, le strisce pedonali al sono uno dei luoghi più celebri del mondo.

Qui il trailer dell’edizione speciale per il 50° Anniversario:

Lascia un Commento

La Brexit, gli Anni Ottanta e l’Inghilterra | This is England è ancora un film potente

BH90210 | La nuova sigla, le prime reazioni e l’omaggio a Luke Perry