in

GIRL POWER | I migliori personaggi femminili della TV: Cristina Yang

In Grey’s Anatomy l’alter ego di Sandra Oh ha infranto il soffitto di cristallo con bisturi e caparbietà

Cristina Yang
L'inarrivabile Cristina Yang di Grey's Anatomy

MILANO – «Tu sei la mia persona». Nel caso foste stati distratti di recente, è importante che sappiate una cosa: in tv il concetto di “anima gemella” è stato totalmente superato. O meglio, è stata abbandonata la vecchia idea “lui e lei si incamminano felici verso il tramonto” per dare spazio a qualcosa di più moderno e inclusivo: l’altra metà della mela è qualcuno che vi comprende e supporta in ogni circostanza, senza implicazioni sessuali. Antesignane di questa rivoluzione sentimentale sono state le protagoniste di Grey’s Anatomy, Cristina Yang (Sandra Oh) e Meredith Grey (Ellen Pompeo). Ma, parliamoci chiaro, anche se Meredith dà il nome al medical drama, spetta a Cristina il titolo di vera icona dello show.

Cristina Yang
Cristina Yang e l’inseparabile Meredith Grey

MA DI CHI STIAMO PARLANDO? Per dieci gloriose stagioni Cristina Yang è stata la cardiochirurgo più eccezionale del piccolo schermo. Dal debutto di Grey’s Anatomy nel 2005, l’alter ego di Sandra Oh ha scalato la gerarchia ospedaliera diventando un medico di fama internazionale. Brillante e razionale, Cristina ha sempre adottato un rigoroso metodo per primeggiare: ha usato i pazienti come cavie per affinare le sue capacità e salvare quante più vite possibile. Insieme all’amica Meredith, più sentimentale, ha creato un perfetto sodalizio cresciuto fra relazioni instabili, cuori infranti e musica dance sparata a tutto volume per gestire lo stress.

Cristina Yang
Per dieci stagioni Cristina Yang ha avuto il volto di Sandra Oh

PERCHÉ È NELLA TOP 10? Acuta, divertente, cinica, instancabile. Cristina Yang è sempre stata un personaggio divisivo: c’è chi l’ha amata senza condizioni e chi ha amato odiarla. Pungente nei modi, ipercompetitiva, talentuosa per istinto e studio, Cristina è stata il punto di riferimento per Meredith certo, ma anche per una buona fetta di pubblico femminile che in lei riconosceva un modello. La Yang è la dimostrazione che l’impegno viene premiato e la competenza ha una valore. Nessuno traguardo è irraggiungibile e il soffitto di cristallo si può infrangere con tanta caparbietà e un bisturi ben affilato.

Cristina Yang
Uno scatto dal set di Grey’s Anatomy

OK, MA CHE FINE HA FATTO? Nel 2014 Sandra Oh ha scelto di abbandonare il medical drama per dedicarsi ad altri progetti. Così è diventata la protagonista, insieme a Jodie Comer, del cult Killing Eve che nella prima stagione aveva come showrunner la mitica Phoebe Waller-Bridge. Dalle parti di Grey’s Anatomy la decisione dell’attrice ha segnato la fine di un’era. Niente più Meredith e Cristina. Niente più “twisted sisters”. Niente più spazio per una colonna portante dello show. Ma Shonda Rhimes ha regalato alla sua Yang un’uscita di scena in grande stile: Cristina lascia Seattle per diventare la numero uno di una clinica all’avanguardia di Zurigo.

Cristina Yang
Cristina Yang e le sue avveniristiche tecniche chirurgiche

MA DOVE POSSO RIVEDERLA? Se volete ritrovare la Yang, cercatela in sala operatoria! Scherzi a parte, gli episodi di Grey’s Anatomy sono disponibili su CHILI, quindi scatenatevi con lo streaming. Attraverso la storia di Cristina potrete imparare un sacco di complicatissimi termini medici, come si supera il trauma di essere abbandonati all’altare, una sparatoria o gli effetti collaterali di un tragico incidente aereo, ma anche come si riesce a trovare la propria persona in mezzo a decine di relazioni amorose fallimentari. Sopratutto conoscerete la più grande verità: non importata quanto il vostro lui o la vostra lei siano speciali, voi siete il Sole!

  • GIRL POWER | I migliori personaggi femminili della TV: Veronica Mars
  • GIRL POWER | I migliori personaggi femminili della TV: Hannah Horvath

Lascia un Commento

Giri/Haji, i protagonisti

Giri/Haji | Tokyo, Londra e gli opposti che si attraggono in una serie da non perdere

Bad boys for life

Da Bad Boys For Life a Chiamami col tuo nome | Quando il cinema celebra gli uomini