in

Perché dovete vedere Il prigioniero coreano di Kim Ki-duk

Il nuovo film del regista? Promette di essere ricordato come una svolta della sua carriera

Due nazioni adiacenti, ostili da decenni vissuti in una sorta di guerra fredda d’oriente e – proprio come URSS e USA – rette da regimi politici e ideologici diametralmente opposti: Corea del Sud e la Corea del Nord. Questo è l’humus narrativo su cui Kim Ki-duk allestisce il suo nuovo dramma: Il prigioniero coreano, disponibile su CHILI. Il cineasta abbandona le tinte forti e morbose de L’isola e Moebius, per girare forse la sua opera più politica che strizza l’occhio a una maniera di far cinema “alla occidentale”. È la storia di un umile pescatore nordcoreano che quotidianamente pesca al confine tra le due Coree sotto gli occhi vigili dei militari. Un giorno la corrente spinge la sua piccola barca verso le acque della Sud Corea e lui viene fatto prigioniero dalle forze di sicurezza, interrogato fino allo sfinimento, poiché sospettato di essere una spia del Nord.

Senza retorica Kim Ki-duk mette in scena la sciagura di un conflitto che travalica l’empatia, in cui il singolo individuo è piccolo piccolo dinanzi ai conflitti e alle ragioni di Stato. Nessuna apologia del capitalismo, né tantomeno un’invettiva contro il regime filo-comunista, piuttosto il desiderio di far emergere le contraddizioni di un’ostilità esasperata. Nel Sud il protagonista trova tutt’altro che un mondo perfetto ed ideale: «Dove c’è una forte luce c’è sempre anche una grande ombra». Il regime del Nord, per contrasto, è l’entità superiore nella quale il pescatore si identifica.

Sarà costretto ad una fedeltà integerrima al sistema e a condurre un’esistenza in contrapposizione con il capitalismo corrotto, ma non per questo l’autore si sente di condannare l’una o l’altra fazione. Lo slancio di innovazione della poetica di Kim Ki-Duk qui sembra evidente, non compare più quell’autoreferenzialità di cui fu criticato in passato, nel caso dei film successivi a titoli come Ferro 3 e Primavera estate autunno inverno… e ancora primavera. Un piccolo film da scoprire e da amare.

  • Volete (ri)vedere Il Prigioniero Coreano? Lo trovate su CHILI

Lascia un Commento

Il trailer della settimana: Vice di Adam McKay

L’opinione: Perché Si muore tutti democristiani è molto meglio di quanto pensiate