in

Alessio Boni: «Il professor Marioni, La Compagnia del Cigno 2 e l’importanza di dire no…»

La musica classica, il lockdown, l’amicizia, la nuova stagione: l’attore racconta il suo personaggio

La Compagnia del Cigno 2
Alessio Boni nel ruolo di Luca Marioni ne La Compagnia del Cigno 2.

MILANO – «Cercate di restare amici. Questa è la più grande battaglia che dovete combattere». Luca Marioni riparte da qui, da un consiglio rivolto agli studenti che però – proprio mentre viene detto – diventa quasi una profezia di quello che li attende fuori dalle mura del Conservatorio. Alessio Boni ritrova il ruolo del terribile professor Luca Marioni nella seconda stagione de La Compagnia del Cigno e – durante un’intervista via Zoom – riflette sul suo personaggio, sull’importanza del successo della prima stagione e sui motivi dell’assenza del COVID dalla serie. «Abbiamo cominciato a girare poco prima del primo lockdown, è stato molto strano interrompere tutto e bloccarsi…», prosegue l’attore che ha appena pubblicato anche un libro autobiografico, Mordere la nebbia, in cui racconta la sua vita, da Bergamo al successo.

La Compagnia del Cigno 2
Alessio Boni durante l’incontro via Zoom.

IO & LUCA MARIONI – «Da dove partiamo? Da Luca Marioni, il bastardo, il professore che fa tremare tutti e che qui nella seconda stagione troviamo cambiato. Il fattore che lo fa mutare? Quello privato, intimo: lo ritroviamo padre che gioca con le figlie piccole, che scherza in salotto. Prima viveva una frustrazione continua per quello che era successo con la figlia, una frustrazione che poi, inevitabilmente, esplodeva sul palco con gli studenti. Nella seconda stagione lo troviamo diverso, ha cambiato prospettiva, la paternità lo ha addolcito. Con Ivan (Cotroneo, regista e sceneggiatore, nda) abbiamo deciso però che Marioni deve rimanere Marioni una volta sul palco: la musica non ammette mediocrità e lui rimane sempre severo e intransigente».

La Compagnia del Cigno 2
Sul palco: Alessio Boni nel ruolo di Luca Marioni ne La Compagnia del Cigno 2.

LA CLASSICA – «Si pensava che la musica classica fosse noiosa, che in una serie non potesse mai funzionare, che avrebbe allontanato il pubblico. La Compagnia del Cigno ha dimostrato che invece era vero il contrario. Il segreto del successo della prima stagione? Perché racconta una grande verità e cioè che a quindici anni non vai in analisi per capire la vita e che a volte ci sono dinamiche talmente intime e personali che riesci a parlarne solo con i tuoi coetanei. L’amicizia, quando è vera, è fondamentale ed è un valore che ritorna anche nell’incontro con un vecchio amico di Marioni: il celebre Teoman Kayà (interpretato da Mehmet Gunsur, nda)».

La Compagnia del Cigno 2
Boni e Anna Valle, che interpreta Irene, in una scena de La Compagnia del Cigno 2.

IL MIO MARIONI – «Chi è stato il Luca Marioni della mia vita? Potrei dire la signorina Paris, l’insegnante di lettere che avevo alle scuole medie. Era temutissima, al punto che bastava la sua presenza per zittire la classe. Non serviva dicesse nulla. Eppure oggi, dopo quarant’anni, ricordo proprio lei, perché la passione che aveva per la letteratura riusciva a trasmetterla come nessun altro. Mi ha segnato e credo che oggi abbiamo bisogno di figure di questo tipo per i nostri figli,  maestri e insegnanti che sappiano dire “no”, che non abbiano paura di vietare o indirizzare. Dire “no” è importante, soprattutto in questo deserto di “sì” in cui spesso si ritrovano i ragazzi che hanno bisogno di indicazioni, di aiuto, di riferimenti. Non sempre servono pacche sulle spalle, a volte serve anche rigidità».

La Compagnia del Cigno 2
L’amico e nemico: Teoman Kayà, interpretato da Mehmet Gunsur.

IL LOCKDOWN – «No, non c’è il COVID, non c’è il lockdown nella seconda stagione de La Compagnia del Cigno. Perché? Una scelta precisa fatta dagli sceneggiatori che, onestamente, condivido. Abbiamo cominciato a girare poco prima venisse chiuso tutto, a gennaio 2020, e avrebbe significato stravolgere completamente lo spirito della serie. Credo che questa scelta contenga anche un messaggio positivo: non preoccupatevi, tutto quello che c’era prima, ritornerà…».

 

Lascia un Commento

HOT CORN PICKS | Nodo alla gola e quel pasticcio perfetto firmato Alfred Hitchcock

Judas and the Black Messiah

Judas and the Black Messiah | Arriva in streaming il film con Daniel Kaluuya