in

Isola Nera | Segreti e misteri per un inaspettato thriller nordico

Il film è ambientato sull’Isola di Amrum nel Mare del Nord. In streaming su Netflix

Isola Nera
Isola Nera

ROMA – Atmosfere gelide, richiami (alla) dark e un film che gioca su una strana relazione: su Netflix arriva l’estremo Nord con Isola Nera (Black Island), ambientato sull’isola di Amrum, a ridosso della costa tedesca del Mare del Nord, che fa da cornice ad una strana relazione e agli oscuri segreti dei protagonisti. A dirigere il film Miguel Alexandre, autore della sceneggiatura insieme a Lisa Carline Hofer. La storia di Isola Nera? Dopo la tragica morte dei genitori, Jonas Hansen (Philip Froissant) deve trasferirsi da suo nonno Friedrich (Hanns Zischler) sull’isola di Amrum. Jonas è giovane, è scosso, è nel bel mezzo della crescita, mentre tutto intorno a lui sta cambiando troppo velocemente.

I protagonisti di Isola Nera
I protagonisti di Isola Nera

Introverso ma bravissimo nella scrittura, la vita del ragazzo viene ulteriormente sconvolta quando la relazione con la compagna di classe Nina (Mercedes Müller) viene disturbata dall’arrivo di un’altra donna, ovvero Helena Jung (Alice Dwyer), insegnante di tedesco, che nonostante l’età inizia una relazione appassionata e proibita con Jonas. Ma, dietro la complicità e gli stimoli che da Helena a Jonas nel perseguire la vocazione alla scrittura, c’è molto altro. Il ragazzo non sa che la donna ha in mente un piano mortale e che lui è solo un mezzo per raggiungere il fine. Dunque, cosa nasconde Helana? Perché si è introdotta nella vita di Jonas? Il film, con i suoi toni young adult mischiati a quelli noir, è solo l’ultimo dei thriller nordici a catturare l’attenzione del pubblico, che resterà sorpreso dalle svolte inaspettate che si susseguono in Isola Nera.

  • NEWSLETTER | Iscrivetevi qui alla newsletter di Hot Corn!

Qui il trailer originale del film:

Lascia un Commento

Synchronic

Synchronic | Jamie Dornan e l’impegnativa fuga dal suo nemico Christian Gray

La rivoluzione moderna firmata da Orson Welles | Gli ottant’anni di Quarto Potere