in

Giovanni Pastrone e la colonna sonora di quell’enigma del Novecento

Tomat e Federico Bisozzi pubblicano la colonna sonora di Pastrone. Il risultato? Notevole

Giovanni Pastrone
Un'immagine di Giovanni Pastrone.

MILANO – Un uomo nuovo, un illuminato, un genio o solo un regista? Giovanni Pastrone è stato tutto e il suo contrario, uno dei registi più importanti del Novecento italiano, ma anche una figura controversa e inafferrabile. Nato nel 1883 ad Asti e scomparso nel 1959, il suo nome è legato a Cabiria, kolossal datato 1913, ma Pastrone fu poi anche violinista, contabile e produttore fino a quando, negli anni Venti, nonostante il successo dei suoi film, decise di lasciare tutto per diventare medico (autodidatta!). Un documentario, Pastrone!, diretto da Lorenzo De Nicola, ha cercato di raccontare l’anno scorso la sua figura, facendosi aiutare da una colonna sonora d’eccezione – firmata da due bei nomi della composizione italiana come Tomat e Federico Bisozzi – che viene ora pubblicata (addirittura) da un’etichetta di culto come la berlinese K7!.

Diciassette tracce, alcune potete ascoltarle qui sopra e sotto, per un’opera davvero preziosa – registrata a Torino – che mescola vari elementi: «L’idea era mescolare quattro elementi», spiegano Davide Tomat e Federico Bisozzi, «il primo era il mood dei primi del Novecento, il periodo in cui Pastrone ha vissuto. Il secondo elemento era il forte rapporto che aveva con la tecnologia, che ci ha condotti all’elemento elettronico; il terzo, il misticismo legato alla sua figura, motivo per cui abbiamo inserito anche un po’ di psichedelia; il quarto, il più ovvio, quello legato al cinema muto e al suono di quelle immagini prodotte da Pastrone».

Un disco assolutamente da riscoprire – come il documentario, distribuito da Lab 80 – che dimostra ancora una volta la vitalità della composizione da cinema in Italia, un terreno fertilissimo che viene raccontato poco (e male) ma esiste e produce cose davvero notevoli. Motivo in più per andarsi a scoprire i lavori di Davide Tomat (che ha appena pubblicato un disco con Petrella, altro genio, sempre per la K7 e dal 2014 lavora con il collettivo dei Masbedo) e di Federico Bisozzi (che firma anche album di elettronica pura come Kassiel). Insomma, buon ascolto.

  • Qui un altro brano della colonna sonora di Pastrone!:

Lascia un Commento

Adam Brody

Che fine hanno fatto | Adam Brody e la rivincita dei nerd: da The O.C. a Shazam!

HOT CORN Radio | Se la musica di Ennio Morricone si tinge di giallo