in

Da Loki a Thanos: la nostra classifica dei 10 cattivi Marvel

Pianeti viventi, nazisti, soldati: gli Avengers hanno dovuto affrontare molti nemici. I migliori? Eccoli

Come già vi abbiamo detto più o meno qui, con l’ultimo capitolo, Avengers – Infinity War, la Marvel ha alzato l’asticella, mettendo in scena tutti i personaggi che hanno accompagnato il pubblico Marvel in questi dieci anni. Personaggi completi, attori incredibili, relazioni complicate e attraversate da diverse sfumature: tutto ciò ha saputo rendere leggendario l’universo dei supereroi. A contribuire alla riuscita delle storie che hanno condotto all’intreccio di Infinity War e a rivestire ruoli di primo piano nelle vicende Marvel, sono indubbiamente stati anche i villains che gli eroi hanno dovuto affrontare. Per celebrare questi dieci anni, noi di Hot Corn abbiamo stilato la classifica dei 10 migliori cattivi del Marvel Cinematic Universe. Non siete d’accordo? Bene, scriveteci qui: press@hotcorn.com 

 

RONAN L’ACCUSATORE, Guardiani della Galassia (2014) – Apparso nel primo capitolo dei Guardiani della Galassia, Ronan, interpretato da Lee Pace, è l’estremista Kree che mette alla prova il non ancora collaudato gruppo di Star Lord & C. mentre è alla ricerca di una delle Gemme dell’Infinito, che segnerà poi il percorso fino ad Avengers – Infinity War. Un cattivo che trasforma la malvagità in egocentrismo e finisce poi per perire sotto i colpi della sua stessa megalomania. E un altro passo da affrontare per arrivare fino a Thanos.

 

 

ALEXANDER PIERCE, Captain America: The Winter Soldier (2014)
No, non tutti i cattivi indossano un costume o un’armatura. A volte ciò che basta è la suprema arte dell’inganno. Ed è ciò in cui si cimenta Robert Redford con il personaggio di Alexander Pierce, riproponendo l’iconografia dei personaggi dei thriller anni Settanta in cui i limiti della morale sono sempre sul filo di un rasoio, tanto da mettere in dubbio la solida ideologia del capitano Steve Rogers.

 

 

HELMUT ZENO, Captain America: Civil War (2016) – Un terrorista sokoviano con un odio tale da riuscire a far sciogliere gli Avengers. Daniel Brühl interpreta Helmut Zemo, uomo senza più famiglia, senza più speranze, ma soprattutto senza più nulla da perdere. E sarà proprio la sua condizione disperata a spingerlo ad una lotta sottile e insinuante che causerà dei traumi all’interno del gruppo degli Avengers. Una lotta partita dalle conseguenze di Age of Ultron e segnata da ripercussioni su un piano anche psicologico, in cui Zemo avrà la sua rivincita.

 

 

L’AVVOLTOIO, Spider-Man: Homecoming (2017) – «È divertente pensare che se Spider-Man è un ragazzo ordinario che diventa un supereroe, ci devono essere anche dei tipi ordinari che diventano supercattivi». Su questo presupposto si forma l’Avvoltoio di Michael Keaton nell’ultimo film dedicato a Spider-Man, un cattivo diventato tale per pura necessità eppure non meno brutale di altri nati con la sete di sangue. Ma anche lui si discosta dal consueto: i suoi modi duri non servono a distruggere o comandare il mondo, ma solo a garantire stabilità finanziaria alla propria famiglia.

 

 

TESCHIO ROSSO, Captain America – Il primo vendicatore (2011) – Tra i più letali nemici di Captain America c’è Teschio Rosso, che il vendicatore sfida alla sua prima rappresentazione del MCU. Interpretato da un grande Hugo Weaving, Teschio Rosso in realtà è Johann Schmidt, gerarca nazista addestrato da Hitler, ora ai vertici dell’Hydra e deciso a conquistare il Tesseract per distruggere il mondo. Un supercattivo che incarna la perfetta nemesi dell’eroe americano, con tutti i classici stereotipi del nazista.

 

 

IL SOLDATO D’INVERNO, Captain America: The Winter Soldier (2014) – Non più uomo, ma macchina. Non più persona, ma esecutore. È questo il passaggio che affronta il personaggio di Bucky Barnes, interpretato da Sebastian Stan, da amico di Steve Rogers a omicida apatico e letale. Un lavaggio del cervello talmente efficace da rendere il Soldato d’inverno un automa inarrestabile, che entrerà in corto circuito con l’affiorare dei ricordi e intraprendendo tutt’altra strada in Civil War e Infinity War. Un cattivo con una propria storia che rende il personaggio sfaccettato. E in continua evoluzione.

 

 

ULTRON, Avengers: Age of Ultron (2015) – E qualcuno qui dirà: «Solo al quarto posto?». Sì. Ultron è un robot inquietante, divertente, disturbato, convinto che la distruzione del genere umano sia la soluzione ideale per riportare la pace sulla Terra. Un’intelligenza artificiale creata da Tony Stark e Bruce Banner, che ha saputo nel tempo sviluppare il complesso di Dio, tanto da diventare folle e instabile. Un personaggio da cui non trapela alcuna possibile umanità e a cui la voce di James Spader – riascoltatela in originale – dona un fascino minaccioso e, in qualche modo, ipnotico.

 

 

EGO, Guardiani della Galassia Vol. 2 (2017) – Sul podio ecco Kurt Russell, pianeta vivente Ego e offre al Marvel CU uno dei migliori cattivi del percorso filmico. Merito va sicuramente all’attore, ma supportato perfettamente dalle potenzialità di un personaggio mosso – come suggerisce il nome – da uno spirito vanesio che tocca quasi il cosmico e che invade la storia e il grande schermo donando al film un mix di comicità ed egocentrismo. Insomma, il villain perfetto per i Guardiani.

 

 

Loki, Thor (2011) e The Avengers (2012) – È indubbiamente tra i personaggi preferiti di molti, tra le figure più caratteristiche e originali della filmografia Marvel che lo ha visto muoversi in diversi film e che gli ha donato lo sviluppo più completo e appassionante. Loki è un eccellente villain che, grazie all’interpretazione di Tom Hiddleston, ha attraversato un percorso di cambiamenti e continui ribaltamenti che hanno arricchito di volta in volta il ruolo. Sofferente, letale, doppiogiochista, buffo, inaspettatamente leale. Loki è il personaggio che ha saputo toccare più corde in ogni film in cui è stato presente e in cui ha saputo ogni volta lasciare il segno.

 

 

THANOS, Avengers – Infinity War (2018) – Non è la sua prima apparizione quella in Avengers – Infinity War, ma senza dubbio è quella che in maggior misura sa dare dei dettagli chiari sulla sua figura. Thanos, riletto da Josh Brolin, è un personaggio che supera il concetto di cattivo per giungere a un terreno inesplorato, in cui si fanno i conti con concetti come democrazia e ordine dell’universo. Un antagonista la cui missione profetica vuole essere una speranza per il futuro: scuotere il senso morale per giungere ad un bene superiore. Idea che lo rende il villain perfetto per celebrare i dieci anni del MCU.

Lascia un Commento

The Last Thing He Wanted: Ben Affleck entra a far parte del cast del film

Jany Temime: «Io, Harry Potter e quei costumi capaci di raccontare un mondo magico»