in

Star Trek: Discovery, nella prima immagine della seconda stagione ecco apparire la USS Enterprise

Jonathan Frakes ha inoltre anticipato un possibile cameo di Spock da giovane

SPOILER ALERT!
Preview

Una nuova foto dalla seconda stagione di Star Trek: Discovery mostra la nave stellare USS Enterprise. La serie è ambientata circa dieci anni prima dello show prodotto negli anni ’60 e la linea narrativa segue Michael Burnham (Sonequa Martin-Green), un ufficiale a bordo della USS Discovery in cerca di redenzione in seguito ad un atto di ammutinamento  finito con lo scatenare una guerra fra la Flotta Stellare e l’Impero Klingon. La prima stagione si concentra sul conflitto ed è terminata con una  – almeno per ora – cessazione delle ostilità. L’ultima puntata si è conclusa con un cliffhanger in cui la USS Discovery, sulla rotta verso il pianeta Vulcano per recuperare il nuovo Capitano che gli è stato assegnato, riceve una richiesta di soccorso dal Capitano Pike e dalla USS Enterprise.

L’incontro con la Enterprise apre numerosi scenari, su tutti la possibile apparizione del Signor Spock. È noto infatti che Spock abbia servito per anni come Ufficiale Scientifico sulla Enterprise sotto la guida del Capitano Pike, prima che il comando passasse nelle mani Capitano James T. Kirk. Inoltre, nella prima stagione è stato rivelato che Michael è stata adottata dal padre di Spock, il diplomatico Vulcaniano Sarek, oltre ad essere stata educata secondo le tradizioni Vulcaniane prima di unirsi alla Flotta Stellare. Non è ancora possibile sapere se un incontro fra i due fratelli avrà luogo, ma il regista di Discovery, Jonathan Frakes, ha rivelato che un giovane Spock sarà presente nella prossima stagione attraverso flashback incentrati sull’infanzia di Michael su Vulcano.

Se Spock dovesse apparire in Discovery è però improbabile che venga interpretato da Zachary Quinto, già chiamato a rivestire questo ruolo nella recente serie di film di Star Trek. Perché? I diritti cinematografici e televisivi appartengono a due case di distribuzione differenti.

Lascia un Commento

E se fosse Gallo Cedrone il punto più alto del cinema di Carlo Verdone?

HORROR CORN: It Follows e quella metafora di una generazione alienata