in

Dal demenziale alle presidenziali: Will Ferrell e lo slogan della risata

Bush, Obama e il voto in Georgia: tutto il genio comico (e politico) di un grande attore

Per capire la grandezza di Will Ferrell, dovete andarvi a recuperare le sue apparizioni in tv nei panni dell’ex presidente George W. Bush Jr. Ecco, le sue esibizioni, tra la satira e la risata, sono perfette. Le movenze, gli occhi accigliati, la cadenza texana dell’ex Presidente, sono una lezione di comicità, fin da quando lo vestì la prima volta, nel lontano 2000, durante quella fucina di genialità farsesca che è il Saturday Night Live, da dove lo stesso Ferrell proviene. Una prova talmente memorabile che, per ammissione dell’attore qualche anno più tardi, ha, in un certo senso, umanizzato il vero Bush, portandolo ad una popolarità fortissima, suggerendo, quindi, che potrebbe aver nientemeno influenzato gli elettori in quelle fatidiche elezioni.

Obama, Ferrell e sua moglie Viveca Paulin nello Studio Ovale. Era il lontano 2011.

Lui, apprezzato proprio da Bush (che gli ha sempre fatto i complimenti per l’imitazione) e poi da Obama, tanto da accogliero nello Studio Ovale dopo la vittoria del Mark Twain Prize for American Humor nel 2011. La politica, dicevamo, Ferrell, oltre che averla spesso preso di mira nei suoi sketch, l’ha pure, in un certo senso, praticata. Del resto, non è da tutti girare (letteralmente) porta a porta, ad Atlanta, in Georgia, per spingere la popolazione a votare la dem Stacey Abrams, nell’agguerrita battaglia contro il repubblicano Brian Kemp, a pochi giorni dalle elezioni di mid-term del 6 novembre.

will ferrell
Will Ferrell in Georgia.

Eppure, il talento purissimo di Ferrell è spesso sottovalutato in Italia, dove le sue commedie non arrivano in sala, oppure arrivano con colpevole ritardo. Del resto, le commedie (leggere) statunitensi, di cui Ferrell è il re indiscusso, membro stabile e instancabile del mitico Frat Pack (composto da Ben Stiller, Vince Vaugh, Steve Carell, Owen e Luke Wilson), nel nostro paese stentano incredibilmente. Ed è un grosso peccato, perché vedendo uno dei tantissimi titoli in cui Will Ferrell è protagonista, avviene qualcosa di magico: stacchiamo la spina e, per il tempo di qualche battutaccia e sguardo buffo, ci ricarichiamo completamente.

Will Ferrell nei panni del mitico anchorman Ron Burgundy

Infatti, così come nelle sue pellicole cult – da Zoolander a Old School, da Elf ai due strepitosi capitoli di Anchorman, fino a Blades of Glory, Fratellastri a 40 anni e I Poliziotti di Riserva – ma anche in quelle più deboli – Vita da Strega, Derby in Famiglia, Candidato a Sorpresa –, c’è un’intelligenza comica di eccezionale fattura. Una smorfia, una ghigno, un silenzio imbarazzato. Will Ferrell regge qualsiasi copione abbia davanti, che sia quello firmato da un esordiente o da un premio Oscar. Infatti, molti dimenticano che Ferrell, oltre essere stato diretto da un certo Woody Allen in Melida e Melinda (riscopritelo), da Marc Foster, altro nominato dall’Academy, nell’agrodolce Vero come la Finzione (probabilmente la sua prova più completa), l’attore è il punto di riferimento di Adam McKay, nome forte della Hollywood contemporanea e premio Oscar, grazie alla sceneggiatura de La Grande Scommessa, di cui è anche regista.

Holmes e Watson.

McKay e Will Ferrell, e le risate che ci siamo fatti con il Ron Burgundy di Anchorman (a proposito, il secondo capitolo è il raro esempio di un sequel superiore all’originale) le abbiamo fatte davvero raramente; così come abbiamo amato la strana accoppiata Will Ferrell-John C. Reailly in Fratellastri a 40 anni. E c’è di più, dato che quest’anno, Ferrell e Reilly formeranno un’altra coppia speciale. Fissate in rosso la data sul calendario: il 25 dicembre (negli USA) arriva in sala Holmes and Watson, per la regia di un altro affezionato a Ferrell, Etan Cohen, con Reilly nei panni di Watson e Ferrell in quelli di Sherlock. E siamo pronti a scommettere che Will Ferrell farà divertire anche Sir Arthur Conan Doyle. Potere di Will, leggendario investigatore della risata.

Volete rivedere i film di Will Ferrell? Li trovate su CHILI: I Poliziotti di Riserva, la Collezione Anchorman,Ricky Bobby, Elf

Lascia un Commento

Quando il videogame diventa cinema: Red Dead Redemption 2 e quel capolavoro western

Liev Schreiber: «Da Los Angeles a New York, il mio Ray Donovan che non molla mai»