in

The Father | L’oblio dei ricordi di Anthony Hopkins e l’illusione di Florian Zeller

Un racconto frammentato in cui schegge di vita e ricordi affiorano in un loop dalle atmosfere thriller

the father

ROMA – Tutto ha inizio nel 2012. Il drammaturgo francese Florian Zeller porta sulle assi dei palcoscenici parigini la sua pièce teatrale, Il padre, con protagonista Robert Hirsch. Quasi dieci anni e svariate repliche in giro per il mondo dopo quell’opera è diventata un film, The Father – Nulla è come sembra, che segna il debutto alla regia dello stesso Zeller. Protagonisti due attori straordinari, Anthony Hopkins e Olivia Colman, rispettivamente nei panni di un padre, Anthony, e di una figlia, Anne, in un film debitore della sua genesi teatrale che immerge lo spettatore in un racconto frammentato in cui schegge di vita, ricordi e pensieri affiorano in un loop dalle atmosfere thriller.

The Father - Nulla è come sembra
Olivia Colman e Anthony Hopkins in una scena di The Father – Nulla è come sembra

Scritta a quattro mani dallo stesso Zeller con Christopher Hampton, The Father pone al centro la figura di un uomo ottantenne convinto di essere perfettamente autonomo – al punto da cacciare ogni badante faticosamente reclutata dalla figlia – ma di cui emergono i primi sintomi della demenza senile. Il suo rifiuto di assistenza diventa un problema quando la figlia gli comunica l’imminente trasferimento da Londra a Parigi per amore. Un’eresia per l’uomo – «A Parigi neanche parlano inglese» – che, lentamente, inizia a dubitare degli affetti e della realtà che lo circondano.

Una scena del film

Già in passato il cinema ha affrontato tematiche legate alla terza età o all’Alzheimer – da Amour a Still Alice – ma la scintilla di The Father sta tutta nel punto di vista. Florian Zeller ci porta all’interno della mente di Anthony. È attraverso i suoi occhi, la sua memoria offuscata, la sua realtà distorta che ricomponiamo i pezzi della (sua) storia. Anthony Hopkins è strepitoso e struggente nel dare voce e corpo ad un uomo capace di essere sgradevole e un attimo dopo indifeso, sarcastico e smarrito. A fargli da spalla una sempre ottima Olivia Colman nel cui volto si leggono tutto l’amore, la preoccupazione e il senso di colpa di una figlia chiamata a prendersi cura del padre.

The Father - Nulla è come sembra
Un’immagine di The Father – Nulla è come sembra

The Father mette in scena una realtà in cui una grossa fetta del pubblico potrà rispecchiarsi – l’inversione del ruolo genitore/figlio alle prese con una malattia – ma è la modalità di quella messa in scena a fare del film un’opera davvero unica. Elementi e situazioni si ripetono per tutto l’arco del film ruotando attorni agli stessi spazi – l’appartamento in cui vivono Anthony e Anne – senza che la narrazione ne risenta o ne sia appesantita. Non a caso il film ha vinto l’Oscar – oltre a quello ottenuto da Hopkins – per la miglior sceneggiatura non originale.

Anthony Hopkins in una scena del film

Ma dietro alla maestria narrativa e formale ciò che resta è un film profondamente commovente. Una commozione che cresce man mano che il film procede e la matassa apparentemente intricata dell’intreccio si dipana davanti ai nostri occhi. The Father racconta la ferocia della malattia, la sua capacità di soffiare via sui ricordi di una vita facendoli volare lontano, come un albero che perde le foglie e resta spoglio. Florian Zeller riesce a farci sentire ciò che prova il suo protagonista rimasto solo in un oblio perenne da quale, ogni tanto, affiora un nome, un volto, un ricordo. La vita.

  • NEWSLETTER | Iscrivetevi qui alla newsletter di Hot Corn!

Qui potete vedere il trailer di The Father – Nulla è come sembra:

Lascia un Commento

moof of the day

Mood of the day | Da Vivarium a La torre nera: su CHILI i migliori film sci-fi

Sergio Castellitto e Gianluca Jodice raccontano Il Cattivo Poeta

VIDEO | Sergio Castellitto e Gianluca Jodice: «Il Cattivo Poeta e il fantasma di D’Annunzio»