in

RIFF | Paolo Ruffini: «Ragazzaccio e il potere del cinema di cambiare il mondo»

Il nostro incontro con l’attore al Riviera International Film Festival, tra Ragazzaccio e PerdutaMente

Paolo Ruffini
Paolo Ruffini intervistato da Hot Corn al Riviera International Film Festival

SESTRI LEVANTE – «Ragazzaccio? È un film che amo tantissimo. Un film che ho scritto, prodotto e diretto. Un film mio. Questa cosa mi dà molta soddisfazione. È una storia d’amore, un teen movie che si svolge durante il Covid e che racconta la difficoltà emotiva di un ragazzo bullo che s’innamora nel periodo più sbagliato». Ospite del Riviera International Film Festival, Hot Corn ha incontrato Paolo Ruffini sulla terrazza dell’Hotel Vis à Vis di Sestri Levante per parlare del suo ultimo film, Ragazzaccio. Ma non solo: con l’attore e regista abbiamo parlato anche di PerdutaMente, documentario sull’Alzheimer presentato in giro per l’Italia, del dovere del cinema di cambiare il mondo, della necessità di uscire dal buio culturale in cui viviamo fino alle sue due nuove sceneggiature già pronte…

  • Perdutamente e il viaggio di Paolo Ruffini tra amore e Alzheimer

La video intervista a Paolo Ruffini è a cura di Manuela Santacatterina:

Lascia un Commento

Giovanni Galassi: «(Im)perfetti criminali, il nostro heist movie all’italiana. Tra azione e risate»

La crisi di Hollywood e la modernità di Viale del tramonto