in

Le 10 cose che abbiamo scoperto in Animali Fantastici – I crimini di Grindelwald

Dall’identità di Credence alla morte di Ariana Silente: tutte le rivelazioni del secondo capitolo della saga

SPOILER ALERT!

Sono passati due anni da quando, alla fine del primo film della saga di Animali Fantastici e Dove Trovarli, J.K. Rowling ci lasciava con uno dei cliffhanger più spiazzanti nella storia del Wizarding World. La trasformazione del personaggio di Percival Graves, interpretato da Colin Farrell, in quello del Gellert Grindelwald di Johnny Depp. Un finale ricco di punti interrogativi che speravamo di chiarire con l’uscita del nuovo capitolo della saga, Animali Fantastici – I crimini di Grindelwald, ancora una volta diretto da David Yates. Il risultato? Le domande sembrerebbero essere aumentate. Ma a dire il vero, però, non sono mancate anche delle rivelazioni fondamentali per lo sviluppo della trama. Così noi di Hot Corn abbiamo cercato di racchiudere in dieci punti tutto quello che abbiamo imparato dalla visione di Animali Fantastici – I crimini di Grinaelwald.

Una scena di Animali Fantastici – I crimini di Grindelwald.

AURELIUS SILENTE Partiamo dalla scoperta più sconvolgente. Quella su cui, appena usciti dal cinema, abbiamo continuato a scervellarci e su cui abbiamo costruito mille ipotesi. Credence, il personaggio interpretato da Ezra Miller, l’obscuriale fuggito da New York, l’orfano dall’energia negativa tramutata in distruzione, non è altro che Aurelius Silente, fratello di Albus, Preside di Hogwarts. Una rivelazione che ha aperto ad un mondo di teorie. La prima è che, in realtà, Grindelwald abbia un piano per portare Credence dalla sua parte, facendogli credere che la sua vera famiglia lo abbia abbandonato e mentendo sul legame con i Silente. Altre ipotesi vertono sulla possibilità che Aurelius sia il fratello mai nominato della famiglia Silente o, ancora, che possa essere l’anima di Ariana, sorella di Albus, talmente potente e inquieta che, al momento della morte, sia riuscita a riporre il proprio spirito in quello di un altro individuo. C’è anche chi cerca di avvalorare l’idea che Credence possa essere figlio di Ariana, ma la ragazza è stata uccisa ad un’età tale da escludere la possibilità di aver avuto un bambino.

Ezra Miller in una scena del film.

ARIANA SILENTE Il primo punto analizzato si ricollega ad una possibile seconda scoperta legata al personaggio di Credence. Ossia che anche Ariana Silente fosse un’obscuriale. Sappiamo, attraverso quanto svelato nel libro Harry Potter e I Doni della Morte, che la giovane spesso non riusciva a controllare i suoi poteri e che, dopo l’aggressione di tre babbani, non riuscì mai più a riprendersi.

animali fantastici i crimini di Grindelwald
Il quadro di Ariana Silente nella saga di Harry Potter

PATTO DI SANGUE Ariana sembra, in qualche modo, un nodo centrale per l’evoluzione della saga di Animali Fantastici. Anche per il terzo punto della nostra lista è necessario tirare in ballo la sorella di Albus Silente. È intorno alla sua morte, infatti, che il film apre nuovi scenari. La ragazza venne colpita da un incantesimo volante durante uno scontro tra Albus, il fratello Aberforth e Grindelwald, ma non si seppe mai bene chi fu a colpirla. Con Animali Fantastici – I crimini di Grindelwald scopriamo che tra Albus e Grindelwald c’era un Patto di Sangue. Questo cosa comporta? Che i due amici non avrebbero mai potuto sfidarsi né lanciarsi contro degli incantesimi, motivo per cui non può – al momento – essere Silente il mago adatto per fermare Grindelwald. E cosa c’entra con Ariana?  Scoperto del patto tra i due, possiamo ipotizzare che J.K. Rowling chiarirà nei prossimi capitoli quale fu la causa della morte di Ariana, spiegando, forse, che l’incantesimo lanciato da uno dei due amici non colpì l’avversario – a causa del patto – e questo rimbalzò colpendo Ariana.

Johnny Depp è Grindelwald.

LETA LESTRANGE L’abbiamo vista comparire in Animali Fantastici e Dove Trovarli in una foto che Newt Scamander teneva nella sua valigia. In questo capitolo, Leta Lestrange (Zoë Kravitz), è diventa uno dei personaggi principali de I crimini di Grindelwald. Ma chi è la Leta? Membro della nota famiglia Bellatrix, è la futura moglie di Theseus Scamander, fratello di Newt con il quale ha studiato a Hogwarts. Come immaginavamo già dal primo capitolo tra i due c’è stata un’intimità ben diversa da quella tra due semplici amici. L’ipotesi è che i due avrebbero perso i contatti dopo un incidente con una creatura magica in cui rimase coinvolto un loro compagno di scuola per cui fu responsabile Leta, ma Newt, innamorato della ragazza, decise di prendersi la colpa.

animali fantastici i crimini i grindelwald
La Sempreverde Leta Lestrange.

NAGINI Quando si è scoperto che Nagini, il famoso serpente e fidato alleato di Voldermort, sarebbe stato presente in Animali Fantastici e avrebbe avuto le fattezze di una donna – interpretata da Claudia Kim-, c’è stato un momento di sconcerto generale. Come è possibile? Cosa ha trasformato la ragazza in un enorme serpente? Ne I crimini di Grindelwald ci viene spiegato che Nagini no, non è un animagus – come, ad esempio, Sirius Black -, ma si tratta di una maledictus: una strega colpita da una maledizione di sangue che le permette di passare dalla forma umana a quella animale. Una possibilità che si esaurirà con il tempo, rendendola un serpente per sempre.

animali fantastici i crimini di grindelwald
Claudia Kim è la maledictus Nagini

SPECCHIO DELLE BRAME Vi ricordate uno dei momenti più teneri di Harry Potter – La pietra filosofale? Quello in cui un piccolo ragazzino, appresa da poco la sua natura magica, si riflette in uno specchio magico e vede i suoi genitori accanto a lui, come fossero ancora vivi? Il famoso specchio torna anche nella saga di Animali Fantastici. E se sappiamo che Silente anni dopo vedrà la sua famiglia felice e sana, in questo capitolo vede il riflesso del con Grindelwald, molto più di un semplice amico.

animali fantastici i crimini di grindelwald
Lo specchio delle brame rivela a Silente il suo più grande desiderio

OBLIVION Alla fine di Animali Fantastici e Dove Trovarli a Jacob Kowalski (Dan Fogler) viene lanciato l’incantesimo Oblivion: una magia capace di cancellare la memoria. Come è possibile, allora, che Jacob torni anche nel secondo capitolo? Lo spiega lo stesso personaggio a Newt, dicendogli che l’oblivion toglie solo i brutti ricordi e lui, nonostante Snani ed i maghi malvagi, non considera negativa quell’avventura.

animali fantastici e dove trovarli
Jacob mentre entra…nella valigia di Newt!

MINERVA MCGRANITT Nessuna sarà mai come la splendida Maggie Smith, ma siamo stati felici di ritrovare la Professoressa Minerva McGranitt in Animali Fantastici 2, seppur per poco tempo e con un aspetto molto più giovane. Una versione che mostra già il grande rispetto e la complicità tra lei e il suo collega Silente. C’è solo un problema: la presenza della McGranitt crea una notevole incongruenza tra Animali Fantastici e Harry Potter. Sembrerebbe, infatti, impossibile la presenza della Professoressa nel nuovo film, visto che la sua data di nascita risalirebbe quasi a ben dieci anni dopo i fatti narrati, che si aggirano intorno al 1927. Pur non avendo una datazione precisa, la nascita di Minerva McGranitt dovrebbe essere il 1935 e l’inizio del suo lavoro a Hogwarts il 1956 – secondo un’indicazione che dà lei stessa in Harry Potter e l’Ordine della Fenice. Puro fanservice? Possibile. Non ci resta che scoprire come la Rowling gestirà il personaggio nei prossimi film.

L’unica e sola Minerva McGranitt: Maggie Smith.

BACCHETTA DI SAMBUCO Nel film viene  inquadrata la letale bacchetta di Sambuco che va a costituire uno dei tre doni della morte. Un oggetto che tutti si aspettavano di ritrovare in Animali Fantastici, visto che un giovane Grindelwald la rubò con goliardia al fabbricante Gregorovitch. Intorno alla bacchetta di sambuco risultano esserci, però, ancora più incongruenze che sull’età di Minerva McGranitt. Tra tutte, la più recente, riguarda il fatto che Tina – il personaggio di Katherine Waterston -, avendo disarmato Grindelwald, dovrebbe possedere la bacchetta, mentre durante tutto il secondo capitolo è sempre il mago ad impugnarla.

Grindelwald e la bacchetta di sambuco.

LA SCELTA DI SILENTE Per l’ultimo punto della nostra lista, abbiamo scelto un’importante rivelazione di Silente a Newt: il motivo, cioè, per cui  ha scelto lui per la sua missione. Sappiamo che Silente è un astuto stratega e le sue mosse non sono mai lasciate al caso. Con I crimini di Grindelwald scopriamo il rispetto che il mago ha per l’amante delle creature magiche. Newt è un uomo buono, non è alla ricerca del potere e anche quando potrebbe raggiungerlo, non accetterebbe mai di sfruttarlo per primeggiare e comandare. La persona giusta per contrastare Grindelwald, in attesa del faccia a faccia tra Silente e Grindelwald.

animali fantastici i crimini di grindelwald
Jude Law nei panni di un giovane e affascinante Albus Silente

Lascia un Commento

Da Steve McQueen a Charlie Hunnam: il lungo volo della farfalla di Papillon

La leggenda de Il Corvo, tra una pallottola e la maledizione di Brandon Lee