in

Lady Gaga: «A Star is Born? Ha realizzato un mio desiderio: mi ha reso libera e leggera»

Dopo le otto nomination all’Oscar, il film di Bradley Cooper arriva su CHILI. E la diva racconta la sua sfida

Lady Gaga con Bradley Cooper in una scena di A Star is Born. Foto: Clay Enos

Lo cantava già in Born This Way: «My mama told me when I was young we are all born superstars». Rock, pop, diva moderna d’altri tempi. Lady Gaga e la sua Ally, persa in A Star is Born, che intona la dolente e bellissima I Don’t Know What Love Is, in un duetto già memorabile con Jackson Maine aka Bradley Cooper – nel doppio ruolo di attore e regista all’esordio – è senza dubbio il personaggio femminile dell’anno, come furono, prima di lei, Janet Gaynor, Judy Garland e Barbra Streisand. Quattro epoche diverse, quattro donne diverse. E un film, una ballata di quelle potenti, con Joanne icona tra le icone, e il suo sorriso, perfettamente sbilenco, soprattutto ora che si è anche portata a casa la prima nomination all’Oscar di una nuova carriera. Adesso A Star is Born arriva su CHILI (lo trovate qui) e Lady Gaga in quest’ intervista ripercorre il suo viaggio.

Bradley Cooper e Gaga in una scena di A Star is Born.

UN NUOVO VOLTO «Amo cambiare. Fa parte della mia arte e della mia musica. Ma in questo caso è stata forte la spinta di Bradley che voleva vedermi senza nulla di finto addosso. Mi ricordo che, scendendo da casa mia per incontrarlo, aveva già in mano lo struccante! Mi disse: “Non voglio vedere una goccia di trucco sul tuo volto”. Così, grazie al film, ho trovato una nuova faccia, che mi ha reso libera e leggera. Ho realizzato un desiderio, quello di fare davvero l’attrice, e Bradley ha voluto tanto lo diventassi. Succede questo, quando qualcuno crede in te. Il sogno si avvera…».

Lady Gaga alla prima di A Star is Born allo Shrine di Los Angeles. Foto Shutterstock.

LE ALTRE STELLE «Judy Garland, Janey Gaynor, Liza Minnelli: A Star is Born è un film che ha resistito al tempo. È una storia molto bella, che tocca le persone di tutto il mondo, parlando, essenzialmente, dell’umanità. E lavorarci è stato fantastico. La mia Ally è come me: ho deciso di fare la cantante a diciannove anni, quando portavo il mio pianoforte da un bar all’altro. Credevo in me stessa, mentre Ally, all’inizio del film, non ha fiducia. È l’amore con Jack che la porterà al successo».

Judy Garland con James Mason nella versione di E’ nata una stella del 1954.

YOU AND I «Io e Bradley Cooper eravamo talmente dentro i personaggi da sentirci vivi. Il pubblico era presente nei live, quando giravamo. Per me è stato facile entrare in un luogo conosciuto come il palco, nonostante facessi per la prima volta un film così, in quella situazione. Ally, nella scena del concerto, da tutta se stessa. Nell’ultimo ciak, Bradley si è avvicinato e mi ha detto: “Divertiti e basta”. Non mi dimenticherò mai la sensazione che ho provato».

LA VOCE DI BRADLEY «Che cantante è Bradley Cooper? Bravo, bravissimo, anzi quando l’ho sentito gli ho detto: “La tua voce è fantastica”. Canta dal cuore, e si percepisce dal personaggio che interpreta nel film, non poteva essere altrimenti. In noi c’è stato uno scambio: ci siamo accettati come attori e artisti».

Cooper e Lady Gaga in un’immagine del film.

GAGA E ALLY «Molte volte ho detto di no all’inizio del mio viaggio. Ma quando ho iniziato, non ero certamente la ragazza più bella nella stanza, c’erano molte cantanti intorno a me. Volevano far cantare le mie canzoni ad altre e non so quante volte mi sono rifiutata. Perché? Non volevo essere come loro, volevo avere la mia visione personale delle cose, della mia musica. Come Ally nel film, che lentamente si trasforma…».

Gli occhi, la lacrima, il fiore.

LA SFIDA «Questo film è stata una sfida: volevo affrontarmi senza trucco. Bradley, ha tirato fuori da me quello che non sapevo di avere. Avevo paura? Sì, ma al fianco c’era lui ad aiutarmi. Penso che in ogni aspetto della vita bisogna affiancarsi a persone migliori di te, da Bradley ho imparato qualcosa ogni giorno. Perché, quando affronti l’acqua con qualcuno che sa nuotare, tutto diventa più facile».

  • Storie | Da Judy Garland a Lady Gaga: A Star is Born e l’evoluzione di una stella
  • Qui, potete ascoltare Shallow dalla colonna sonora del film:

Lascia un Commento

Maglione rosso e sneakers azzurre: Tom Hanks è Mr. Fred Rogers

L’Opinione | 10 Giorni Senza Mamma: finalmente una commedia che non dovete perdere