in

Chloé Zhao: «Nomadland, Frances McDormand e i miei nomadi d’America»

La Zhao entra nella storia degli Academy vincento l’Oscar per la Miglior regia e Miglior Film

chloé zhao
Chloé Zhao con gli Oscar per il Miglior Film ela Miglior Regia per Nomadland

ROMA – L’ultima volta che abbiamo visto, rigorosamente via Zoom, Chloé Zhao – lunghi capelli neri e una felpa con volti di cagnolini – è stato a Venezia77 dove lo scorso settembre ha presentato il suo Nomadland fresco vincitore di tre premi Oscar (Miglior film, Miglior Regia e Miglior attrice protagonista) che l’hanno fatta entrare di diritto nella storia degli Academy (seconda regista donna a vincere per la Miglior Regia dopo Kathryn Bigelow per The Hurt Locker). Un film nato dal libro Nomadland – Un racconto d’inchiesta di Jessica Bruden e con protagonista Frances McDormand nel ruolo di Fren, sessantenne americana che, dopo aver perso marito e lavoro a causa della Grande recessione, decide di mettersi in viaggio verso ovest e condurre una vita da nomade a bordo del suo furgone.

Sul set di Nomadland
Sul set di Nomadland

L’INIZIO «Il libro aveva già fatto una grande ricerca, avuta la benedizione di Jessica siamo partiti da lì. Abbiamo ascoltato le loro storie e si sorprendevano del fatto che volevamo farlo. Frances ė molto più di un’attrice, li trattava come se fossero loro i veri divi. Abbiamo trascorso molto tempo insieme, anche solo noi due. Non volevamo che il film sembrasse una grande produzione di Hollywood, volevamo inserirci nella comunità di nomadi».

I colori di Nomadland
I colori di Nomadland

LA COMUNITÀ «Con Nomadland è la terza volta che mi ritrovo in una comunità che non è la mia. Credo che come approccio parlare di politica non funzioni, voglio trovare le cose che mi possano far relazionare con loro e non dividere perché non scegli chi incontrare quando vivi come nomade. Se ti si rompe la macchina devi sapere che troverai un amico pronto ad aiutarti, anche se magari voterà un Presidente diverso dal tuo. Devi comunque cercare di creare una comunità».

Frances McDormand in Nomadland
Frances McDormand in Nomadland

FREN «Ci siamo basate su un libro in cui si parla di donne che hanno passato tutta la vita in casa e che a un certo punto hanno deciso di mettersi in viaggio. Fren è una vera nomade nel suo cuore. La sua è una vera ricerca sulla strada per fare scoperte che in casa non farebbe».

  • Chloé Zhao prima di Nomadland? The Rider
  • Oscar 2021 | Da Nomadland ad Anthony Hopkins, tutti i vincitori
  • Nomadland | La strada di Chloé Zhao e un (grande) film di resistenza
  • Frances McDormand: «Nomadland, Chloé Zhao e l’altra faccia della mia America»

Lascia un Commento

Quiz Corn | Shining o Full Metal Jacket? Quanto conoscete il cinema di Kubrick?

VIDEO | Da Hollywood al Galles, il discorso di Anthony Hopkins per l’Oscar