in

Io & il cinema | Bonifacio Angius: «Toro Scatenato, Clint Eastwood e Over The Top»

Dopo Locarno, I Giganti arriva su CHILI e il regista racconta a Hot Corn il suo cinema del cuore

Bonifacio Angius
Bonifacio Angius nel ruolo di Massimo ne I Giganti.

MILANO – Dopo essere stato l’unico film italiano in concorso a Locarno ed essere passato nei cinema, I Giganti di Bonifacio Angius arriva ora in streaming su CHILI, storia colma di emozioni forti e vere, chiuse all’interno di una casa in un luogo non precisato dove si ritrovano alcuni amici (uno è interpretato proprio dallo stesso Angius). Si troveranno in equilibrio tra ricordi di un passato troppo vicino per non fare male e le disillusioni di una vita che non ha preso la strada attesa. Un film da non perdere. Così abbiamo chiesto a Angius di parlarci del suo cinema preferito, tra folgorazioni e cult per la nostra rubrica Io & Il Cinema (QUI le altre puntate).

Una scena de I Giganti di Bonifacio Angius, ora in streaming.

IL FILM CHE MI HA FOLGORATO – «In tutta sincerità? Ci sono centinaia di film che mi hanno folgorato, anche solo per una scena, un’inquadratura. Per me la folgorazione davanti a un’opera cinematografica può sostanzialmente avvenire davanti a un film nel complesso anche bruttino perché anche in pellicole complessivamente non riuscite ci sono i cosiddetti “momenti di grazia”. Penso a un film di Luchino Visconti come Gruppo di famiglia in un interno. A mio avviso, nel complesso, è uno dei suoi film meno riusciti, ma ha dei momenti di grazia che mi hanno ispirato in tutti i miei film. Poi se dobbiamo parlare di un’opera che mi ha veramente scosso è senza dubbio Toro scatenato di Martin Scorsese…».

Toro scatenato
Robert De Niro in Toro scatenato di Martin Scorsese. Era il 1980.

IL FILM CHE NON MI STANCO MAI DI RIVEDERE – «Direi proprio Toro scatenato, il manifesto del cinema contemporaneo. Riesce ad essere manifesto anche della fotografia cinematografica contemporanea, nonostante l’utilizzo del bianco e nero. Per non parlare della direzione degli attori, del come la maestria del regista riesca a mostrare il candore in un uomo violento, mostrando la fragilità di un personaggio – Jake La Motta, interpretato da Robert De Niro – che è un prepotente attaccabrighe. Un uomo che, al primo sguardo, sembra solo uno stupido illuso. E invece, davanti alla bruttura dell’essere umano, ecco arrivare la luce, un elemento che inseguo da sempre anch’io quando giro un film. La luce accecante della pietà. L’elemento di candore che appartiene anche alla peggior feccia scesa sulla terra».

Ancora De Niro sul sul di Toro Scatenato con Martin Scorsese.

LA MIA COLONNA SONORA PREFERITA – «Dunque questa sembra come una domanda piuttosto difficile, invece, mi viene in mente la risposta in un attimo, che fortuna. Direi che la colonna sonora che preferisco in assoluto è quella de Gli Spietati di Clint Eastwood, scritta da Lennie Niehaus cn lo stesso Eastwood. Potrei menzionare anche quella de Il Monello di Chaplin. Comunque hanno entrambe una cosa in comune: sono state scritte dagli stessi autori del film stesso…».

IL MIO GUILTY PLEASURE – «Guilty pleasure? Lo dico a testa alta e senza alcuna vergogna. Ho un debole per Over The Top, film del 1987 diretto da Menahem Golan e con Sylvester Stallone assoluto protagonista. Con mio figlio Antonio, che ormai è un ometto di dieci anni, l’avremo visto già una decina di volte…».

bonifacio angius
Sylvester Stallone in Over the Top, i guilty pleasure di Bonifacio Angius.

IL MIO FILM PREFERITO TRA QUELLI GIRATI – «Ogni film per il suo autore non è mai solo un semplice film, ma un pezzo di vita. Se rispondessi a questa domanda sarebbe come rinnegare una parte importante della mia vita. Inoltre, ho realizzato tre film e mezzo, perché saGràscia, oltre ad essere un film di studio, ha una durata che non lo inserisce tra i lungometraggi. Quindi, a parte il discorso di cui sopra, non ho una filmografia tanto ampia da poter rispondere. Ma comunque credo che la risposta sarebbe sempre la stessa. Non rinnegherò mai nulla che non sia la pubblicità dei pannolini…».

  • Volete vedere I giganti? Lo trovate su CHILI
  • NEWSLETTER | Iscrivetevi qui alla newsletter di Hot Corn!
  • VIDEO | Quando incontrammo Angius a Locarno.

 

Lascia un Commento

filippo timi

Filippo Timi: «I Delitti del BarLume? Una serie femminista in cui tutti sono protagonisti»

Magnum P.I., Casa Keaton e gli altri | Ovvero quando le serie si chiamavano telefilm