in

The Specials, Vincent Cassel e quella coppia di eroi completamente normali

I registi di Quasi Amici, una coppia di attori fenomenale e un film da amare: perché vedere The Specials

Vincent Cassel e Reda Ketab, protagonisti di The Specials.

MILANO – No, non bisogna farsi illudere dal titolo italiano, perché in realtà The Specials non è un film inglese, ma 100% made in France e per questo è protagonista della nostra nuova puntata di French Touch dopo aver rivisto il mito di Cousteau ne L’Odissea (qui). In lingua originale il titolo di The Specials recitava semplicemente Hors Normes – ovvero fuori dal comune – e ad esser fuori dal comune qui sono proprio i protagonisti del film affetti da autismo di cui si seguono le storie con grande trasporto emotivo: si tifa per questi indifesi esseri umani in un mondo che sembra non aver più posto per loro. Alcuni tra loro, proprio perché più pericolosi, non vengono “selezionati” dal sistema sanitario nazionale ed ecco che a curarne le ferite e a sostenerne l’inserimento nel mondo del lavoro, interviene la strana coppia.

Sul set: Vincent Cassel con Eric Toledano e Olivier Nakache.

Ma chi sono quei due tipi? Bruno (Vincent Cassel, sempre perfetto) e Malik (Reda Kateb, magnifico, ve lo ricordate in Ippocrate?), provenienti da due diverse realtà associative. A ben vedere, minuto dopo minuto, ad esser fuori dagli schemi sono anche loro, i due protagonisti, per i quali è sempre possibile trovare una soluzione nelle loro comunità di cura: per loro la disponibilità a far del bene non conosce confini o limiti. Vediamo così come i due personaggi, ispirati peraltro alle vere storie di operatori in associazioni francesi, hanno costituito un sistema di sostegno in cui ad ogni soggetto affetto da autismo viene assegnato un educatore, proveniente anch’esso da realtà disagiate.

Cassel e Reda Kateb in azione.

The Specials – che trovate in streaming su CHILI qui – si prende il tempo per entrare in punta di piedi nella vita di tutti gli attori coinvolti, raccontandone le sfide e le vittorie quotidiane. Le associazioni sono esse stesse non a norma ma, pur col peso di un’indagine che aleggia sulle loro pratiche non ortodosse, Bruno e Malik insistono nel perseguire un unico obiettivo: proteggere con disarmante umanità la stessa disarmante umanità dei loro assistiti. Dietro la macchina da presa Eric Toledano e Olivier Nakache, ormai veterani di temi legati alla disabilità, già noti al grande pubblico per il successo di Quasi amici.

The Specials
Cassel e Ketab con uno dei ragazzi.

Ecco, se il paragone con quel film vi verrà naturale, sappiate che in The Specials si ride certamente meno, ma nessuno potrà rimanere indifferente allo sforzo di uomini che sacrificano la propria vita semplicemente per onorare quella altrui. Il film venne presentato fuori concorso al Festival di Cannes nel 2019 e proprio lì, per l’occasione, Pierre Lescure, Presidente della kermesse, spiegò come «lo spettatore grazie a Bruno e Malik si trovi immerso in queste associazioni, con queste famiglie, questi medici, questi volontari, questi eroi di solidarietà e d’amore per gli altri». Per chi ama il cinema francese o per chi cerca un film che vada oltre la semplice visione.

Lascia un Commento

Crudelia

Emma Stone è Crudelia de Mon nel primo trailer del live action

Elizabeth Taylor

Dal Texas a Cleopatra, tra Brando e Newman: come riscoprire Elizabeth Taylor