in

Da Rami Malek a Lady Gaga: su Instagram sfilano i protagonisti dell’Oscars Lunch

Amy Adams con Rachel Weisz, Spike Lee con Barry Jenkins: gli scatti del pranzo più glamour dell’anno

Manca ormai meno di un mese alla notte più lunga dell’anno, quando al Dolby Theatre di Los Angeles si terrà la 91ª edizione degli Oscar. Una cerimonia che, per la prima volta in trent’anni non avrà un presentatore ufficiale ad orchestrare la serata, dopo la rinuncia di Kevin Hart travolto dalle polemiche per dei tweet a sfondo omofobo scritti diversi anni prima. Ma, controversie a parte, l’edizione 2019 si preannuncia ricca di sana competizione. Perché? Tra le dieci candidature di Roma di Alfonso Cuarón e La Favorita di Yorgos Lanthimos s’insinua il Freddie Mercury di Ramy Malek protagonista del successo cinematografico dell’anno, Bohemian Rhapsody, tallonato da A Star is Born e Vice. C’è un evento, però, che azzera tutta la tensione e la competizione dell’Award Season. Stiamo parlando dell’Oscars Lunch, appuntamento annuale che anticipa di qualche settimana la serata degli Oscar chiamando all’appello tutti i nominati per un pranzo fatto di foto di rito e sorrisi rilassati. Così noi di Hot Corn abbiamo deciso di selezionare qualche scatto dell’evento allestito al Beverly Hilton Hotel di Los Angels in attesa di scoprire chi si poterà a casa la statuetta per Miglior Film del 2019…

#1 A Star is Born

E no, non stiamo parlando di Lady Gaga ma di Yalitza Aparicio, la protagonista di Roma di Alfonso Cuarón. Nata e cresciuta a Oaxaca, Messico, la giovane attrice è stata catapultata nel mondo di Hollywood grazie alla sua interpretazione di Cleo, domestica di una famiglia borghese nel Messico degli Anni Settanta, che le è valsa una candidatura come Miglior Attrice protagonista.

0 punti

Voti totali: 0

Voti positivi: 0

Percentuale voti positivi: 0.000000%

Voti negativi: 0

Percentuale voti negativi: 0.000000%

Lascia un Commento

La seconda vita del parroco: ovvero come Don Camillo è diventato un film a fumetti

Batman in Armenia: Christian Bale, The Promise e l’ultima canzone di Chris Cornell